Alethéia – Il Festival Ideale

Urbino - 06/05/2022 : 22/05/2022

prima edizione di ‘ALETHÉIA – Il Festival Ideale. - (‘Alethéia (ἀλήθεια) è un termine antico in lingua greca che significa dischiudimento-rivelazione) - Per tre giorni la città si animerà di musica, installazioni video.

Informazioni

  • Luogo: COLLEGIO RAFFAELLO
  • Indirizzo: Piazza Della Repubblica - Urbino - Marche
  • Quando: dal 06/05/2022 - al 22/05/2022
  • Vernissage: 06/05/2022 ore 17.45 su invito
  • Generi: arte contemporanea, musica, video, festival

Comunicato stampa

Urbino, città ideale presenta:

‘ALETHĒIA - IL FESTIVAL IDEALE

A cura di Christina Magnanelli Weitensfelder

Con il Patrocinio del Comune di Urbino




Venerdì 6 sabato 7 e domenica 8 Maggio 2022


Sedi principali: Collegio di Palazzo Raffaello, Rampa elicoidale di Francesco di Giorgio Martini, , Ex Monastero di Santa Chiara, Fortezza Albornoz, Circolo Cittadino



Comunicato stampa

DAL PIEMONTE ALLA BASILICATA PIÙ DI 80 AUTORI ITALIANI UNITI DA UNA VERITÀ. TUTTA DA SCOPRIRE



‘ALETHĒIA - IL FESTIVAL IDEALE
Festival TRANSCULTURALE - 6 | 8 MAGGIO - URBINO

Direzione artistica: Christina Magnanelli Weitensfelder
Organizzazione: CLUB dei Simpatici | Produzione: TAAS | URBINO

1^ Edizione 2022: IL MITO E I LINGUAGGI DI TUTTE LE ARTI COME COMPRENSIONE DEL MONDO, con TANTA MUSICA DAL VIVO.

“Lo scopo di ogni artista è di provocare nel proprio campo, di scuotere le anime” Alessandro Coccia

Torna la Primavera e con lei gli eventi di alto profilo. Nella splendida cornice della città rinascimentale nota in tutto il mondo, dall’imbrunire di venerdì 6 maggio fino al pomeriggio di primavera di domenica 8 maggio, a Urbino, si svolgerà la prima edizione di ‘ALETHÉIA – Il Festival Ideale. - (‘Alethéia (ἀλήθεια) è un termine antico in lingua greca che significa dischiudimento-rivelazione) - Per tre giorni la città si animerà di musica, installazioni video, animali immaginari e boschi visionari che prenderanno vita creando percorsi suggestivi tra mito, creazioni futuriste, improvvisazioni teatrali e simposi, concerti in un’atmosfera conviviale unica, grazie agli innovativi contenuti del festival.
Luoghi magici quindi si animeranno di luci e voci, parole ispirate e ispirazioni senza parole, poesia e messaggi in movimento. La tre giorni all’insegna dell’allegra follia con la creatività a briglia sciolta e la presenza di artisti che giungeranno da ogni parte d’Italia creerà la piena partecipazione della comunità. DA BARDO, vicino ad Aosta come da MONTESCAGLIOSO, in provincia di Matera, da Milano, Bergamo, Pavia, Modena, Firenze, Rimini, Pesaro, Vicenza e da Siracusa, si muoveranno 85 ARTISTI che si uniranno per dare vita al mondo che tutti dovremmo e potremmo scegliere.

“ALETHÉIA celebrerà la poesia e il mito che risiedono nella sacra linea della verità, in un flusso in cui non vi sarà differenza tra chi osserva e chi è osservato, chi sosta e chi si muove, chi conosce e già sa, e chi ancora non sa.” Dal concept del festival del direttore artistico Christina Magnanelli Weitensfelder “La visione è una testimonianza di futuro volontario, non è organizzata, non è documentata ma documenta, cerca di cogliere qua e là la consapevolezza dei suoi stessi creatori, e crea. Mai un punto di vista unico.”
Tre giorni per apprendere che la realtà è un meraviglioso specchio in cui chiunque può riflettersi e mutare, per divenire da spettatore protagonista, o, perché no? Trasformarsi in albero, fiore, pietra di un meraviglioso palazzo rinascimentale.

E come dice il filosofo Habermas: “Inclusione non significa accaparramento assimilatorio, né chiusura contro il diverso. Inclusione dell’altro significa piuttosto che i confini della comunità sono aperti a tutti: anche, e soprattutto, a coloro che sono reciprocamente estranei o che estranei vogliono rimanere”.

‘ALETHÉIA è un progetto transculturale site specifico, pensato ‘su misura’ per la città di Urbino. Il Comitato scientifico è composto da editori, designer, giornalisti e filosofi.
Una sorta di opera unica tra pubblico e autori, istituzioni, brand e commercianti. Si tratta di un’opera collettiva che mette al centro l’uomo, in rapporto con l’evidente necessità di Rinascita, sensazione tangibile di chiunque.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------
La direzione artistica.
Christina Magnanelli Weitensfelder, designer editoriale italo-austriaca, organizza eventi nell’Italia creativa fine anni ‘80, realizza campagne di comunicazione per brand di alto profilo dagli anni ’90, fonda L’Aperitivo Illustrato, si occupa di curatela in ambito artistico-fotografico, si ispira da sempre alle complessità sperimentali dei nuovi linguaggi di tutte le discipline artistiche, in particolar modo se calate in ambito filosofico. È editore specializzato in libri d’immagine e brand book.

Gli Organizzatori.
Lilit Books, Club dei Simpatici, AIMagazinebooks, fvɘ editori, oltre che editori in prima linea per la ricerca e la selezione dei titoli e dischi di alta nicchia in termini di preziosità, il Paese del Libri, TAAS URBINO e Torango Music sono HUB creativi e intellettuali in quanto organizzatori di kermesse dedicate alla sperimentazione autoriale, mescolano gli elementi classici alla propria produzione riuscendo a far emergere la complessità intrinseca che si muove negli spazi dedicati alla cultura italiana e internazionale. Giacomo Maria Prati, mitografo italiano di professione, già direttore dei Musei della Certosa di Pavia, sostiene e lavora come autore e regista in ambiti nazionali e sperimentali per i nuovi linguaggi. Giuseppe Bellone e Valentina Ferri, oltre che far parte del Comitato Scientifico del Festival assieme a Prati, sottolineano l’importanza delle contaminazioni come costante di percorso sociale.

Le sezioni situazionistiche-performative
Il Duca di Montefeltro incontra il Duca del Bardo.
Sono trascorsi 600 anni dalla nascita di Federico da Montefeltro, Duca di Urbino. Un obiettivo che il Bardo, micronazione intenzionale, insegue guardando all'esempio di Federico con determinazione sin dalla sua nascita, espressione di un bisogno della nuova umanità che si sta affacciando alle porte di un'epoca in arrivo. Federico da Montefeltro trasformò il ducato di Urbino in un importantissimo centro artistico e culturale, secondo in Italia solo a quello di Lorenzo il Magnifico a Firenze. Per l'occasione il sovrano piemontese conferirà al comune marchigiano la Cittadinanza Onoraria alla Bellezza di Urbino, luogo meraviglioso e suggestivo animato da storia e cultura, immerso nella verde natura tanto cara al ducato pedemontano, strenuo difensore dell'ambiente e dell'arte come risposta al degrado. Tra soubrette contemporanee e comparse cinquecentesche e giochi di fuoco la narrazione utopica diventa tangibile.

Gli Ospiti del Simposio e i concerti.
Vincenzo Sparagna, uno per tutti, il mito è lui, fondatore con Andrea Pazienza della mitica rivista Frigidaire (“ci avevano lasciato le fidanzate e non sapevamo cosa fare”), della rivista illustrata e satirica “Il Male”. Fonda Frigolandia, incredibile Parco culturale con Museo annesso, sede di corsi artistici e culturali per ragazzi.
Sono ben 13 i concerti e le letture musicate di ‘Alethéia.
Enten Hitti e GianCarlo Onorato, le due band intrinsecamente legate dalla narrazione romantica e dall’esigenza di raccontare la complessità dell’animo umano, provengono entrambe da importanti manifestazioni internazionali e da spazi e modi di abbattimento del superfluo in ogni ambito. E se GianCarlo Onorato si divide tra arte e musica elaborando nuovi concept che uniscono le basi del nostro futuro di persone, Pierangelo Pandiscia, leader degli Enten Hitti, incanala individuandola la visione necessaria e la racconta, tra note e parole.
Tra Mario Mariani, Petrolio ed Herne von Bornamvs ci sono differenze apparenti solo nel mezzo: pianoforte a coda per il primo, tastiera per gli altri due, per il restante sono tutti e tre nomi internazionali che da anni operano nel panorama musicale più riconosciuto e hanno tutti e tre l’incredibile capacità visionaria degli innovatori.
Il trait d’union di Massimo Angiolani, scrittore-musico ipervedente che lega Dodo Reale a SAX-HO! a DJ Lori Muratti passando per Denis The Night and The Panic Party, Polar Cat, Ray Pigiatasti non è così difficile da scoprire: è lo stesso che lega ‘quelli’ delle azioni poetico-performative alle conferenzine filosofiche, tra Vittorio Tranquilli, Serse Cardellini, Marco Pesatori, Giovanna Amato, Ivonne Mussoni e Giorgio Ghiotti, Riccardo Conte, Mirco Alessandrini non vi è alcuna differenza. Sono tutti uguali ad Achille ed Oreste.

Il Teatro. L’Arte.
Polimnia - Teatro Selvatico vs Francesco Arecco. Il Grido della Natura chiama da Ovest. Isacco Caraccio, guida dei LUPI per il progetto di teatro relazionale Polimnia e avvocato-artista di un totale ripensamento dell’arte povera (Nascondimento) ad utilizzo concreto per tutti noi, oltre che presidente di iniziative territoriali di beneficio nazionale come Resilienza.art. Oltre che introdurci nel sacro mondo di Bagnet e Barolo, sapranno come indicarci la via di una riconnessione alle Cose della Natura.

Videoarte e pittura, scultura e poesia in dialogo.
Se il Festival dedica omaggi alle figure di Carmelo Bene e al Manifesto tattilista Marinettiano poi ripreso dalla Montessori in ambito educativo-formativo, la pittrice ucraina Svitlana Grebenyuk, Alessandro Bulgarini, Binci, Gianni Pezzani, Franco Scalese, Nicola Bertoglio, Sergio Marcelli, Leonardo Nobili, Nani Alessandro Pinoli, Deborah Coli e gli stessi Arecco ed Onorato lavorano tutti tra immediatezza e spazi iconici, chiamati a rendere sostenibile la leggerezza dell’essere (umano).
Il logo iconico del Festival raccoglie tutta la simbologia visionaria e filosofica di ‘Alethéia.

Il festival di ‘Alethéia non poteva far coincidere la sua nascita sotto una stella migliore, il Mito della riscoperta di chi siamo e dove andiamo si espone a maggio 2022. E realizzarlo nella città ideale svela splendore rinascimentale dalle nuove certezze, indissolubilmente legate alla Natura e l’Uomo.


Venerdì 6 maggio

Circolo Cittadino - ore 16.00: Workshop (partecipazione solo su invito)
Rampa di Francesco di Giorgio Martini - ore 17.45: Conferenza performativa (solo su invito)

Sabato 7 maggio

Palazzo del Collegio Raffaello - ore 11.00: Inaugurazione mostre
Cortile di Palazzo del Collegio Raffaello - dalle 12.45 alle 16.00: Simposio con i filosofi
Ex Monastero Santa Chiara - dalle 17.00 alle 24.00: concerti non stop

Domenica 8 maggio

Piazza della Repubblica - ore 12.00: Improvvisazioni
Fortezza Albornoz - dalle ore 13.00: Chiusura del lavori

I Concerti e le Conferenze sono ad Ingresso libero




Organizzato da: Club Dei Simpatici – Lilit Books
fvɘ editori, Il Paese dei Libri, AIMagazinebooks, Micronazione di Bardo, Studio Magnanelli Weitensfelder, TAAS Urbino, Resilienza.Art, Teatro Selvatico.
Design: Studio Christina Magnanelli Weitensfelder
Info e dettagli: #URBINOALETHEIA e pagina Facebook dedicata

Comitato Scientifico:
Christina Magnanelli Weitensfelder, Giuseppe Bellone, Giacomo Maria Prati, Francesco Arecco, Valentina Ferri, Piercarlo Bormida, Serse Cardellini, Maurizio Barres, Marco Candida.