Alessandro Quaranta – Essere Meno

Genova - 07/04/2022 : 23/04/2022

Essere Meno è un progetto artistico nato dalla ricerca di Alessandro Quaranta, vincitore del bando di Italian Council del MIBACT 2020 (IX edizione), Direzione Generale Creatività Contemporanea, Ministero della Cultura.

Informazioni

Comunicato stampa

Essere Meno è un progetto artistico nato dalla ricerca di Alessandro Quaranta, vincitore del bando di Italian Council del MIBACT 2020 (IX edizione), Direzione Generale Creatività Contemporanea, Ministero della Cultura.

Il progetto rientra nella pratica dell’artista torinese, da sempre attivo nell’ambito del lavoro artistico con il video, suo mezzo principale di espressione e strumento privilegiato per una ricerca sul ruolo della visione e della percezione della realtà e sulla sua conseguente trasmissione



L’impegno rivolto all’esplorazione di questo mondo lo porta a interrogarsi sulla sottrazione del suo sguardo autoriale per offrire il suo approccio contemplativo a coloro che sono affetti da disturbo dell’attenzione e dell’iperattività (ADHD).



Nasce quindi un’occasione di dialogo e confronto tra due mondi: l’arte contemporanea e la pedagogia e l’approccio psicologico, poiché l’artista si rivolge ai bambini in età scolare che l’artista coinvolge in una serie di laboratori strutturati come esperimenti – gioco in un’ottica di sperimentazione riabilitativa.

Una delle finalità per Quaranta è quella di ribaltare l’approccio ai dispositivi video (tablet, cellulari), generalmente considerati strumenti di distrazione, per scardinare tale consuetudine e offrire esercizi strutturati e giochi che comportano impegno e concentrazione nella loro fruizione.



“L’argomento della mia ricerca è l’immobilità tonica in campo ottico e della visione, che implica delle riconsiderazioni sulla capacità di attenzione e l’uso dei dispositivi di registrazione video. La motivazione di questo percorso risiede nelle mie recenti sperimentazioni con il video, con la scelta di inquadrature fisse e la dilatazione del tempo di lettura delle immagini” (Alessandro Quaranta).



In mostra da Prisma Studio vengono quindi presentati i lavori video realizzati nell’ambito di un anno di ricerca, in cui sono stati coinvolti bambini di età diverse sia in Italia sia in Spagna.

E’ inoltre proposto Incanto, un video autoriale dell’artista la cui poetica richiama sempre il tema dell’attenzione, un lavoro sullo sguardo e sulla percezione del tempo, attenzione che implica anche un coinvolgimento del corpo.



La ricerca di Quaranta si è avvalsa di molti studi in ambito filosofico e pedagogico e ne è nato anche un confronto e dialogo con esperti in ambito psicoeducativo.

A tale proposito, in occasione dell’inaugurazione, avrà luogo un talk con il Professor Silvano Solari, psicologo e psicoterapeuta, docente all’Università di Genova, responsabile del N.O.A.C. (Nucleo Operativo di Assistenza Consultoriale) e direttore del Centro per l’Autismo. Solari è anche esperto in terapia familiare, si occupa del trattamento delle psicopatologie in età evolutiva, nonché dei disturbi dello spettro autistico secondo un nuovo modello integrato.

Il professor Solari da molti anni utilizza il video come strumento riabilitativo e l’occasione della mostra offrirà un opportunità di riflessione, condivisione e conoscenza di queste pratiche riabilitative.