Alessandra Roveda – ¡Maravilla!

Milano - 11/11/2011 : 22/11/2011

Alessandra recupera elementi antichi, riadattandoli ad un gusto più contemporaneo e trasforma una pratica artigianale, come quella dell’uncinetto, in una vera e propria tecnica artistica.

Informazioni

Comunicato stampa

Agatha Ruiz de la Prada, regina indiscussa dei colori, rispolvera la sua profonda passione per l’arte, aprendo le porte dello store di Via Maroncelli al design di una giovane artista.

Alessandra Roveda, classe 1978, ha una laurea in Disegno Industriale, conseguita presso il Politecnico di Milano ed una grande passione per l’uncinetto, che l’accompagna da sempre. Con il tempo ha esteso quest’artigianalità all’arte: ogni cosa viene ricreata e reinterpretata con un rivestimento di punti variopinti.

Per Alessandra l'uncinetto è artigianato, un’arte, un vero linguaggio

Il mondo intorno a lei è concepito come un grande spazio da ricoprire e da popolare con magiche creature, recuperando e reinterpretando oggetti dimenticati.

“La mia visione uncinettata del mondo ha radici nella paziente arte della nonna. Il passaggio dall’artigianato all’arte è arrivato per caso, quando ho portato a essere uncinetto ciò che di regola non lo può essere”.

Lo store di Agatha Ruiz de la Prada darà un assaggio di questo universo dominato dalla fantasia e dai colori, proponendo alcuni pezzi emblematici del lavoro dell’artista.


“Ridare vita ad oggetti e mobili usati” è il concept che sviluppa Alessandra Roveda, approdando a delle creazioni decisamente insolite. Fili di lana, cotone, nylon, acrilico, seta ma anche lenzuola strappate, sacchetti di plastica ridotti a strisce, cavi, spago, fili di ferro: sono questi i materiali che l’artista utilizza per rivestire gli oggetti, ricorrendo alla tecnica dell’uncinetto.
Un giorno il suo percorso incrocia il magico mondo di Agatha Ruiz de la Prada, che,
apprezzandone l’originalità, decide di dare spazio alla creatività dell’artista, organizzando
l’evento “¡Maravilla!”.

Così, l’11 Novembre 2011, lo store di Agatha Ruiz de la Prada apre le porte al mondo surreale di Alessandra Roveda, con un’esplosione di colori, forme e materiali. Fra le varie creazioni esposte, sarà presentata la sedia con schienale a forma di cuore, pezzo emblematico della mostra.
La storia artistica di Alessandra affonda le sue
radici nell’infanzia, quando, seguendo le orme
della nonna, si dedica all’arte dell’uncinetto,
creando accessori come sciarpe e cappelli . Nel
tempo la sua passione diventa sempre più forte,
fino al giorno in cui la sua fantasia esplode,
inducendola a ricoprire tutto quello che la
circonda. L’uncinetto diventa per Alessandra una vera e propria forma di espressione, rendendo surreale e, al tempo stesso, accessibile la normalità.
Ogni oggetto viene ricreato e reinterpretato,
attraverso un rivestimento di punti variopinti
. I filati utilizzati sono recuperati per gran parte in cantine, soffitte di nonne, zie, mamme di amiche e amiche di amiche, contribuendo a dare un tocco vintage a tutte le creazioni. Alessandra recupera elementi antichi, riadattandoli ad
un gusto più contemporaneo e trasforma una pratica artigianale , come quella dell’uncinetto, in una vera e propria tecnica artistica.