Albini/Viola. L’invisibile forma delle idee

Milano - 11/04/2016 : 17/04/2016

Ospitata nella Galleria d’Arte Strasburgo, in via Durini nel cuore di Milano, si lega a due grandi eventi internazionali della città come MIArt e Salone del Mobile, per accostare il Design di Franco Albini all’Arte pittorica di Rodolfo Viola: un dialogo estetico e “artistico” che mette in relazione intuizione e rigore, creatività e tecnica, innovazione ed emozione.

Informazioni

Comunicato stampa

“Le opere sono lezioni silenziose”
Questa mostra nasce dall’idea che le arti siano in stretta relazione con l’individuo e il mondo, tanto da poterlo in alcuni casi impattare, modificando l’animo delle persone.
E’ dall’incontro tra La Fondazione Rodolfo Viola, portatrice dei concetti dell’Universalismo, “che incentiva la collaborazione di tutti i maestri d’arte per un messaggio …universale” e
la Fondazione Franco Albini, da anni alla ricerca di diversi linguaggi espressivi per divulgare la cultura di un design e di un’architettura “etica” dalla forte responsabilità sociale,
che nasce la volontà di questa mostra


L’invisibile forma delle idee, ha l’obiettivo di cogliere le lezioni silenziose alla base delle opere.
L’intento è quello di suggerire, far riflettere o semplicemente creare un’occasione per relazionarsi con la “bellezza”, interrogandosi sui “valori” che la “sorreggono”.
La “leggerezza” e l’”essenza” delle opere di Franco Albini interagiscono con le intuizioni astratte delle tele di Rodolfo Viola, in un percorso immaginario “alla ricerca dell’origine delle idee”.
La mostra è un invito ad approfondire la genesi di un progetto, avvicinandosi alle opere, alle domande e ai concetti capaci di accendere la scintilla della creatività e dell’innovazione presente in ognuno di noi.