Alberto La Tassa – Dimensione Aurea

Venezia - 05/05/2015 : 28/06/2015

Dimensione Aurea è una mostra che raccoglie una selezione dei migliori recenti lavori di Alberto La Tassa e che si svolge nel luogo in cui questi prendono forma: l’atelier dell’artista.

Informazioni

  • Luogo: ATELIER ALBERTO LA TASSA
  • Indirizzo: Campiello Giustinian ai piedi del Ponte dell’Accademia - Venezia - Veneto
  • Quando: dal 05/05/2015 - al 28/06/2015
  • Vernissage: 05/05/2015 ore 19
  • Autori: Alberto La Tassa
  • Curatori: Chiara Casarin
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

Dimensione Aurea è una mostra che raccoglie una selezione dei migliori recenti lavori di Alberto La Tassa e che si svolge nel luogo in cui questi prendono forma: l’atelier dell’artista.In occasione dell’inaugurazione della 56ma Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, si aprono al pubblico le porte di questo piccolo laboratorio a pochi passi dal Ponte dell’Accademia. L’ambiente in cui l’arte viene creata, intriso di odori e cosparso di strumenti di lavoro, può svelare i trucchi del pittore, può suggerire le sue ispirazioni, può raccontare la genesi di un dipinto

Il visitatore ha fin da subito l’impressione di essere circondato da un’atmosfera unica, un po’ retrò e sontuosa al tempo stesso. Alle pareti si trova una selezione di dieci recenti opere di La Tassa, di dimensioni diverse e mai esposte fino ad ora. Sul tavolo trova posto una raccolta di quaderni e grafiche che raccontano gli studi, i ripensamenti oppure narrano la nascita di alcuni dipinti.
Come fa notare il curatore Chiara Casarin, “Alberto La Tassa dipinge e realizza grafiche con una tale padronanza del linguaggio artistico da dare l’impressione all’osservatore di essere di fronte a un vecchio maestro ispiratosi ai capo¬lavori dell’antichità”. Percorrendo con lo sguardo il corpus di opere proposte, il soggetto indagato da La Tassa può essere definito un collage esperienziale: frammenti di ricordi, desideri, fantasie e suggestioni dai contorni indefiniti, spesso di matrice erotica, coesistono fianco a fianco in pochi centimetri di tela, sovrapponendosi o incastrandosi a volte alla perfezione a volte respingendosi, offrendo una dimensione nuova, onirica e dall’equilibrio perfetto. Una Dimensione Aurea, appunto, che fa eco alla famosa sezione, la costante matematica divenuta nei secoli sinonimo di armonia ed equilibrio, di metro per misurare la bellezza di un elemento. La ricerca di una semplice bellezza, sempre presente nei dipinti di La Tassa, non è solo un elemento della sua produzione ma arriva a essere anche la chiave di lettura della stessa: la bellezza come condizione rasserenante per l’artista e per chi osserva, un rifugio in cui si può evadere e consolarsi da una realtà che spesso bella non è, un luogo ideale fatto di rimandi e accenni a un passato personale che può essere condiviso perché universale.
La pratica dell’open studio ha un’efficacia più intima rispetto a quella di una semplice mostra. La sensazione di essere accolti in un luogo riservato all’artista rende il visitatore partecipe all’atto creativo e, nell’osservazione dei gesti così come nel dialogo diretto, è possibile creare un rapporto nuovo ed esclusivo tra collezionista e artista.



Entrata libera
Aperto tutti i giorni dalle 14 alle 19

Alberto La Tassa - Note biografiche
Alberto La Tassa (Padova, 1986) nasce in una famiglia dedita all’arte dal 1820. Dopo il diploma all’istituto d’arte cittadino P. Selvatico, nel 2005, La Tassa si trasferisce a Venezia dove, qualche anno più tardi, si laurea in Pittura all’Accademia di Belle Arti con il massimo dei voti. Eclettico e versatile, l’artista spazia, con grande maestria e abilità tecnica, dalla pittura, alla scultura, alla grafica. Nonostante la giovane età, negli ultimi anni è stato protagonista di numerose esposizioni come La veste di Adamo nello spazio Re-Evolution di Punta della Dogana a Venezia a cui segue Fantasma, tenutasi all’Ex Cotonificio de Angeli Frua a Roè Volciano, vicino a Brescia, nel 2011. A queste personali si aggiungono le collettive come Genius Loci-In memoria di Imre Makovecz, ai Magazzini del Sale, Ah, perbacco!, evento svoltosi in occasione della 54. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia e Nudisegni alla Fondazione Bevilacqua La Masa, sempre nel 2009. Le sue opere sono presenti in numerose collezioni private di tutto il mondo. Attualmente è rappresentato dalla galleria olandese De Bekkerij Kunsthuis di Bergen (The Netherlands) e dalla galleria Michela Pavan di Venezia.

Per informazioni:
Associazione B-rain
Calle dei Orbi 3122
San Marco, Venezia

Ufficio stampa
Cinzia Gagliardo
347 2585654