Affetti personali

Torino - 04/12/2014 : 18/01/2015

Oltre 100 abiti, scarpe, guanti, cappelli, bijoux per raccontare la storia della moda dal 1920 al 1990. In mostra a Palazzo Madama, insieme ai ricordi di tutti coloro che li hanno posseduti e donati al museo torinese per il progetto Torino un secolo di moda.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO CIVICO D'ARTE ANTICA - PALAZZO MADAMA
  • Indirizzo: Piazza Castello - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 04/12/2014 - al 18/01/2015
  • Vernissage: 04/12/2014 ore 17,30
  • Generi: documentaria, fotografia, moda
  • Orari: martedì - sabato 10.00 - 18.00 domenica 10.00 - 19.00 la biglietteria chiude un’ora prima chiuso il lunedì
  • Biglietti: intero € 10, ridotto € 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte

Comunicato stampa

Oltre 100 abiti, scarpe, guanti, cappelli, bijoux per raccontare la storia della moda dal 1920 al 1990.
In mostra a Palazzo Madama, insieme ai ricordi di tutti coloro che li hanno posseduti e donati al museo torinese per il progetto Torino un secolo di moda.


Palazzo Madama conferma la propria vocazione al racconto della storia della moda italiana con la mostra Affetti personali. Storie di donne e di moda

Dal 5 dicembre 2014 al 18 gennaio 2015 lo Spazio Atelier del museo presenta una selezione di oltre cento oggetti ricevuti in dono da più di quarantacinque cittadini a partire da marzo 2014.

I donatori hanno generosamente contribuito al progetto Torino un secolo di moda, ricerca sui mestieri della moda lanciata da Palazzo Madama per approfondire la conoscenza di tutte quelle attività che hanno reso celebre Torino quale capitale dello stile prima di Firenze, Roma, Milano, e che vantano una storia di particolare eccellenza.

Il percorso in mostra racconta l’evoluzione del costume dagli anni Venti agli anni Novanta del Novecento, attraverso le proporzioni degli abiti, la fortuna di nuovi materiali come il nylon, amatissimo per la lingerie, e la predilezione per alcuni colori. Insieme agli oggetti, particolarmente preziose sono le testimonianze raccolte: i racconti diretti di chi in quegli ambienti ha vissuto e lavorato, unitamente ad attrezzi e fotografie di atelier e laboratori, vetrine e sfilate.