Adrian Tranquilli – An Unguarded Moment

Roma - 03/12/2021 : 06/03/2022

Un momento incustodito (An Unguarded Moment), la mostra antologica di Adrian Tranquilli, all’Auditorium Garage – il rinnovato spazio espositivo di oltre 1000 mq della Fondazione Musica per Roma dedicato all’arte contemporanea, che confermerà l’Auditorium Parco della Musica come un’istituzione dinamica e multidisciplinare, con una programmazione che spazia dalla musica alle arti performative e visive.

Informazioni

  • Luogo: AUDITORIUM - PARCO DELLA MUSICA
  • Indirizzo: Viale Pietro De Coubertin 34 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 03/12/2021 - al 06/03/2022
  • Vernissage: 03/12/2021 su invito
  • Autori: Adrian Tranquilli
  • Curatori: Antonello Tolve
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Orari Visite guidate Visita guidata alla mostra tutti i sabati una alle ore 12:00 e una alle ore 15:00 Dal 26 dicembre al 6 gennaio tutti i giorni alle 12:30 e alle 14:30
  • Biglietti: Intero 10.00 euro Ridotto (over 65, under 30) 8.00 euro

Comunicato stampa

Un momento incustodito (An Unguarded Moment), la mostra antologica di Adrian Tranquilli, dal 4 dicembre 2021 fino al 6 marzo 2022 all’Auditorium Garage – il rinnovato spazio espositivo di oltre 1000 mq della Fondazione Musica per Roma dedicato all’arte contemporanea, che confermerà l’Auditorium Parco della Musica come un’istituzione dinamica e multidisciplinare, con una programmazione che spazia dalla musica alle arti performative e visive

Fondazione Musica per Roma intende avviare – a partire da questo progetto – un ciclo di esposizioni per dare nuovi spazi e contenuti ai visitatori dell’Auditorium, per enfatizzare la centralità delle arti nei processi di trasformazione della società, per sperimentare dialoghi e ibridazioni tra forme espressive diverse e nuove tecnologie. La mostra è ideata e organizzata da Musica Per Roma, con il patrocinio della Regione Lazio.

Con l’antologica An Unguarded Moment, Adrian Tranquilli torna ad esporre nelle istituzioni pubbliche della Capitale dopo diversi anni di assenza, presentando per l’occasione oltre cinquanta opere attraverso un percorso inedito, fatto di installazioni ambientali di forte impatto visivo. Installazioni realizzate appositamente aprono e chiudono il percorso espositivo che include anche importanti tappe della produzione artistica di Tranquilli dalla fine degli anni ’90 fino a oggi. Inoltre, la mostra è stata ideata per mettere per la prima volta in risalto l’importante ruolo che la musica gioca nella produzione dell’artista romano. Attraverso video, installazioni, sculture, fotografie e interventi sonori, Adrian Tranquilli mette in scena il suo particolarissimo universo visivo costruito attraverso riferimenti alle icone che popolano il nostro immaginario collettivo. Nel lavoro di Tranquilli si intersecano storia e attualità, figure reali e immaginarie, (super)eroi e i loro antagonisti creando un insieme che si snoda come un racconto a puntate.

La mostra sarà accompagnata dalla monografia Adrian Tranquilli edita da Maretti Editore con i contributi di Sergio Brancato, Raffaella Frascarelli, Antonello Tolve, Eugenio Viola.

Al lavoro di Adrian Tranquilli (Melbourne, 1966) sono state dedicate mostre personali in diverse istituzioni italiane tra cui: il Palazzo delle Esposizioni, Roma (2001), il MACRO - Museo di arte contemporanea di Roma (2003 e 2011), il Palazzo Reale a Milano (2010), il MART - Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto (2014), il MANN - Museo Archeologico Nazionale di Napoli (2016) e la GNAM - Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea (2005). Ha esposto a livello internazionale in musei, gallerie e centri d’arte contemporanea, tra cui: MAK - Museo delle Arti Applicate e la Kunsthalle di Vienna, il Dalì Museum, St. Petersburg in Florid, lo IASPIS e la Botkyrka Konsthall a Stoccolma, la Sala de Exposiciones a Madrid, la Maison Rouge a Parigi, La Maison d’Ailleur a Yverdon-les-Bains in Svizzera, lo SPSI a Shanghai.

Adrian Tranquilli ha spesso collaborato con registi come Daniele Luchetti, Chiara Clemente e Giancarlo Soldi, fumettisti come Giuseppe Camuncoli e Gabriele dell’Otto, musicisti come Bruno Moretti o Lucia Ronchetti ma anche con scrittori e studiosi come Ida Magli, Alberto Abruzzese, Marco Arnaudo, Sergio Brancato, Enrico Fornaroli, Omar Calabrese.

Il suo lavoro è presente in numerose collezioni pubbliche e private, sia in Italia che all’estero.