59. Biennale – Padiglione Namibiese

Venezia - 22/04/2022 : 27/11/2022

Padiglione della Namibia, Paese debuttante alla prossima Biennale Arte 2022 con un progetto di Land Art unico e suggestivo sull’Isola della Certosa.

Informazioni

Comunicato stampa

Padiglione della Namibia
Alla 59. Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia


“Art Before Artist”
Con questo motto il Padiglione della Namibia dal titolo A Bridge to the Desert debutta alla 59. Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia presentando un progetto di Land art, “The Lone Stone Men of the Desert”.

Una riflessione sulla condizione umana raccontata da una serie di sculture apparse alcuni anni fa nella regione del Kunene del deserto del Namib, il più antico del Mondo


Le sculture, in pietre del deserto e tondini di ferro, hanno fattezze umane stilizzate e gli autori hanno scelto di non firmarle in origine, identificandole solo con una frase e un numero: rappresentano le diverse culture, distanti, ma in cerca di un incontro per trovare insieme il posto del genere umano nella natura, raffigurata dal deserto stesso, che non è solo contesto di un’opera site-specific, ma parte integrante dell’opera stessa.
Questa unione di opera e contesto naturale ha in sé un'altra chiave di lettura fondamentale, considerando che solo due tipologie di osservatori possono entrare in relazione con l’opera: gli Himba - tra le ultime tribù umane a vivere ancora in uno stato pretecnologico - e i pochi, fortunati e coraggiosi viaggiatori che si spingono ad esplorare il deserto - per lo più appartenenti a gruppi sociali opposti agli Himba, con stili di vita fortemente tecnologizzati e urbanizzati.
Le opere sono dunque “ponte sul deserto”, dove quest’ultimo rappresenta la distanza culturale tra le popolazioni del mondo, ma anche la situazione critica raggiunta nel rapporto tra l’umanità nel suo complesso e la Terra come nicchia biologica.
Consapevoli dell’irrilevanza personale di fronte ai temi trattati dall’opera, gli autori si celano dietro lo pseudonimo RENN, rifiutando qualsiasi connotazione e riconoscimento.
Così l’artista torna a essere quel mezzo Kantiano “attraverso cui la Natura dà la sua regola all’arte” (Critica del Giudizio, 1790): criticando tacitamente l’individualismo spinto della contemporaneità si fa spazio a un concetto di collettività, di unione e incontro, al di fuori di gerarchie, influenze e contaminazioni.

La curatela è stata affidata dal Ministero della Cultura Namibiano a Marco Furio Ferrario, che ha scoperto le opere nel 2015 e proposto la creazione del padiglione con il desiderio che questo, attraverso lo spirito e i messaggi delle opere, diventi un ponte e un invito a scoprire lo straordinario tessuto artistico namibiano.

Punto di partenza del Padiglione sarà una mostra fotografica documentaristica, allestita presso l’antico Casello delle Polveri della Certosa, grazie alla collaborazione con Vento di Venezia, la società che gestisce il programma di rigenerazione dell’isola, che presenta al pubblico una selezione di fotografie raffiguranti le sculture protagoniste del progetto di land art, o meglio, desert art: il possibile inizio di una tale nuova corrente - che prende elementi dalla street-art, dalla land-art e dalla pop-art – è argomentato nella curatela e nella mostra.

Il Padiglione si sviluppa poi attraverso un percorso di installazioni immersive distribuite negli ambiti più suggestivi del parco, invitando i visitatori a una caccia all’opera sull’isola, in modo analogo a come avviene nel deserto.


Si potranno anche trovare diverse sculture site-specific realizzate da RENN e poste in dialogo con il contesto che le accoglie, con degli elementi di sorpresa durante tutta la durata della Biennale Arte 2022.

Il messaggio delle opere ha certamente animato non solo gli organizzatori ma centinaia fra professionisti, mecenati, sponsor e supporter privati tra cui Monica Cembrola, Patron e Producer del progetto, la quale dichiara: “Abbiamo deciso di sostenere il padiglione della Namibia perché la sua originalità si rivela in linea con i progetti che La Fondazione MCFAF sostiene da anni e che hanno come scopo quello di sviluppare il talento e le capacità degli artisti africani”. Il curatore aggiunge che “è stato raccolto anche un entusiasmo da parte di individui e compagnie namibiani, italiani e a livello internazionale, davvero commovente e le opere hanno così dimostrato la potenza del loro messaggio ancora prima dell’esposizione, che sarà possibile proprio grazie all'aggregazione e alla collaborazione di tante realtà che hanno concretizzato questo ponte per il deserto”.

La messa in opera del Padiglione è stata possibile grazie alla collaborazione artistica tra RENN e il duo creativo AMEBE, il cui progetto rispetta e si pone di valorizzare gli elementi fondamentali dell’opera originale.

La Certosa è un’isola della laguna di Venezia che dista meno di un chilometro dall’Arsenale, sede della Biennale. Presso l’isola è in corso un Programma di Valorizzazione del patrimonio naturale e culturale del sito che prevede la realizzazione di un grande parco di pregio ambientale e storico-archeologico aperto al pubblico che ospita eventi culturali, esposizioni e installazioni. Sull’isola, che si estende su 24 ettari di boschi e giardini, sono attivi un porto turistico, servizi tecnici per la nautica da diporto, strutture ricettive ed enogastronomiche immerse nel verde.

Si ringraziano per il sostegno al progetto:
Namibian Ministry of Education, Arts and Culture; Namibian Embassy to France and Italy; Namibian Honorary Consulate to Italy; Namibian Honorary Consul to Milan – Petter Johannesen; Namibian Honorary Consul to Rome – Valeria Tienghi.
Partner, Vento di Venezia; Main Sponsor, Abercrombie & Kent; Sponsor, Antaares, Onguma; Technical Sponsors: Monica Cembrola For Art Foundation, Vellardi, Algorand, Hertz Namibia, Mowani-Chiwani Safari Camps, Okahirongo Elephant Lodge, Windhoek Country Club by Legacy Hotels, CLEOPATRA.SRL, Gondwana, DB Schenker, Namibia Media Holding, Tourismus Namibia of Namibia Media Holdings.
Lista completa: biennalenamibia.art


“The Lone Stone Men of the Desert” Padiglione Nazionale della Namibia alla 59. Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia, curata da Cecilia Alemani e in programma dal 23 Aprile al 27 Novembre 2022.

Website
Facebook
Instagram

Comunicazione, Ufficio Stampa e Media Relation: AFF Comunicazione
Alessia Fattori Franchini – [email protected]
Sara Bosco – [email protected] – 347.8630118
Tommaso Franco – [email protected] – 333.8025212
Tel +39 02 36631254


A BRIDGE TO THE DESERT, Lone Stone Men of the Desert by RENN | [email protected] - Pag 2/2