59. Biennale – Francis Alÿs

Venezia - 21/04/2022 : 27/11/2022

Per la 59ª Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia, Francis Alÿs presenterà The Nature of the Game, una mostra che include una selezione di film, molti dei quali di nuova produzione, e una serie di dipinti nel Padiglione del Belgio (Fiandre).

Informazioni

Comunicato stampa

Per la 59ª Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia, Francis Alÿs presenterà The Nature of the Game, una mostra che include una selezione di film, molti dei quali di nuova produzione, e una serie di dipinti nel Padiglione del Belgio (Fiandre).

A cura di Hilde Teerlinck


Commissario: Jan Jambon, Ministro-Presidente del Governo delle Fiandre e Ministro Fiammingo degli Affari Esteri, della Cultura, della Digitalizzazione e della Gestione delle Risorse
Apertura del Padiglione: 21 aprile 2022, 12:30
Anteprima della 59

Esposizione Internazionale d’Arte: 20, 21 e 22 aprile 2022
Date dell'esposizione: 23 aprile 2022 - 27 novembre 2022
Orari di apertura: 23 aprile - 25 settembre, 11:00 - 19:00 / 27 settembre - 27 novembre, 10:00 - 18:00
Luogo: Il Padiglione del Belgio, Giardini di Venezia, Venezia
Sito web: www.belgianpavilion.be

Fin dal 1999, durante i suoi tanti viaggi, Alÿs ha ripreso con la sua telecamera bambini che giocano in spazi pubblici. Ha iniziato per caso con il video Children’s Game #1: Caracoles, che mostra un bambino che dà calci a una bottiglia su per una strada ripida, la lascia rotolare verso di lui per poi colpirla di nuovo.

Il gioco è qualcosa di naturale, qualcosa che scopriamo e impariamo istintivamente nella nostra infanzia. Come mangiare e dormire, giocare è un bisogno essenziale dell'essere umano. È necessario prendersi del tempo, passare del tempo e perderlo giocando. Il gioco dei bambini è da intendere come una relazione creativa con il mondo in cui vivono, rivelando una dimensione sociopolitica.


Osservare, investigare e documentare il comportamento umano nella vita urbana è una costante del lavoro di Alÿs. I suoi film documentano (in modo etnografico) sia il potere della tradizione culturale che gli atteggiamenti rilassati, liberi e autonomi dei bambini, anche nelle situazioni più conflittuali. I giochi dei bambini svolgono un ruolo in queste esplorazioni e hanno acquisito una posizione più centrale nella sua pratica: Alÿs utilizza la sua telecamera come mezzo per comprendere la cultura e gli schemi secondo i quali le persone vivono.

L'antropologo David MacDougall ha affermato: "Presi insieme, questi film rivelano una verità più ampia: molti giochi per bambini sono specifici per femmine o maschi, che la maggior parte sono basati sulla competitività ma anche sulla collaborazione e che i bambini sono abili ad arrangiarsi con poco, adattandosi a un'ampia varietà di ambienti e spazi per i loro scopi. In questo senso, creano un mondo parallelo a quello degli adulti, un mondo che si sovrappone ma che utilizza le sue risorse fisiche in modo piuttosto diverso".

L'esposizione sarà presentata al centro d'arte contemporanea belga WIELS nella primavera 2023.

Un ringraziamento speciale alla Galerie Peter Kilchmann, a Jan Mot e a David Zwirner.

Hilde Teerlinck
Hilde Teerlinck (Belgio, 1966) vive e lavora a Barcellona. È amministratrice delegata - direttrice generale della Han Nefkens Foundation, che sostiene giovani videoartisti tramite borse di studio di produzione. Tutti i progetti sono realizzati in stretta collaborazione con musei e centri d'arte internazionali.

Hilde Teerlinck è stata direttrice del FRAC (Fondo regionale d'arte contemporanea) Nord-Pas-de-Calais di Dunkirk, del CRAC Alsace ad Altkirch e del Centro d'arte contemporanea di Perpignan, e coordinatrice artistica del Padiglione di Mies van der Rohe a Barcellona. Ha inoltre curato numerose esposizioni internazionali e biennali, inclusa la Biennale di Lione del 2015 (contributo del Palais de Tokyo), la Triennale di Beaufort del 2015 (sulla costa belga) e la Triennale di Kortrijk del 2018 e 2021.

Francis Alÿs
Francis Alÿs (Belgio, 1959) vive e lavora a Città del Messico. Formatosi come architetto, Alÿs si avvale di diversi supporti, dalla pittura al disegno, al video e all'animazione. I suoi lavori trattano problemi etnologici e geopolitici attraverso l'osservazione e il coinvolgimento della vita quotidiana. È stato recentemente coinvolto in una serie di nuovi progetti in Iraq che si sono conclusi con la fiction storica Sandlines (2018-20). La sua serie Children’s Games (1999 - in corso) è un ricordo di scene di bambini che giocano in tutto il mondo. Una dozzina di nuovi giochi filmati nella Repubblica democratica del Congo, in Belgio, Canada, Iraq e Hong Kong verrà presentata alla 59. Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia. Alÿs ha esposto in musei rinomati di tutto il mondo.

La selezione
La curatrice Hilde Teerlinck e l'artista Francis Alÿs sono stati selezionati per rappresentare il Belgio nel 2022 alla Biennale di Venezia. Il processo di selezione si è svolto in due fasi. In una prima fase, la giuria ha invitato sei curatori a presentare un progetto espositivo per il Padiglione del Belgio a Venezia. Nella seconda fase e dopo la presentazione di ogni progetto, la giuria ha preso una decisione finale il 12 giugno 2020.

La selezione è stata organizzata dal Dipartimento cultura, giovani e media del governo delle Fiandre. La giuria, composta da esperti del settore artistico, era formata da Devrim Bayar (solo nella prima fase), Frank Benijts, Hicham Khalidi, Zeynep Kubat, Jozefien Van Beek, Sofie Van de Velde ed Els Wuyts (solo nella prima fase), con Dirk De Wit in qualità di presidente (non votante) e Stan Van Pelt in qualità di segretario.

Con il supporto di:
Questo progetto non sarebbe stato possibile senza il generoso sostegno di:

Governo delle Fiandre
Nationale Loterij – Loterie Nationale
Proximus Art Collection

Eeckman Art & Insurance
Vidi-Square AV Solutions
Willame Foundation

Borzi contract
Duvel Moortgat
Green Spin srl

KPMG
KU Leuven
Mertens Frames
Samsung
VERLATO+ZORDAN associati

Amici e sostenitori del Padiglione