50 anni di Astronomia a Bologna

Bologna - 28/04/2017 : 28/05/2017

La mostra è dedicata all'eccezionale sviluppo che l'astronomia amatoriale ha avuto nel nostro territorio seguendo il fil rouge della storia dell'Associazione Astrofili Bolognesi, costituitasi nel 1967 e che proprio quest'anno celebra il mezzo secolo di ininterrotta attività.

Informazioni

Comunicato stampa

venerdì 28 aprile 2017, alle ore 20.30 presso il Museo del Patrimonio Industriale, in via della Beverara 123, si inaugura l'esposizione “50 anni di Astronomia a Bologna”.
La mostra è dedicata all'eccezionale sviluppo che l'astronomia amatoriale ha avuto nel nostro territorio seguendo il fil rouge della storia dell'Associazione Astrofili Bolognesi, costituitasi nel 1967 e che proprio quest'anno celebra il mezzo secolo di ininterrotta attività



Il percorso espositivo si articola in una serie di ricchi pannelli che scandiscono la storia dell'Associazione Astrofili nel suo radicarsi sul territorio e nella sua capacità di fare rete con i principali istituti di studio e divulgazione delle discipline astronomiche, illustrando anche l'evoluzione delle tecniche osservative e fotografiche di tipo amatoriale.
Sono inoltre visibili una serie di strumenti moderni – ancora in uso - di proprietà di soci della stessa Associazione Astrofili Bolognesi, e una piccola sezione storica con oggetti appartenuti al professor Guido Horn d'Arturo, primo direttore dell'Osservatorio Astronomico di Bologna, attualmente conservati al Museo della Specola afferente a SMA Sistema Museale di Ateneo Alma Mater Studiorum Università di Bologna,
Completa la mostra un nutrito programma di sessioni osservative con telescopi, laboratori per ragazzi ed incontri di divulgazione e approfondimento tenuti da professionisti ed esperti del settore su argomenti di particolare attualità nel campo delle discipline astronomiche.

L'iniziativa, aperta dal 29 aprile al 28 maggio 2017, è realizzata a cura dell'Associazione Astrofili Bolognesi in collaborazione con il Museo del Patrimonio Industriale, e con il supporto di Zanichelli Editore.