49° Vinitaly – Guglielmo Castelli

Verona - 22/03/2015 : 25/03/2015

Artissima e Regione Piemonte per la seconda volta insieme per rappresentare il Piemonte con un progetto d’artista al 49° Vinitaly.

Informazioni

  • Luogo: VERONAFIERE
  • Indirizzo: viale dell’Industria - Verona - Veneto
  • Quando: dal 22/03/2015 - al 25/03/2015
  • Vernissage: 22/03/2015
  • Autori: Guglielmo Castelli
  • Generi: fiera
  • Orari: continuato dalle 9.30 alle 18.30
  • Biglietti: Giornaliero: € 60 - Online € 55 Abbonamento 4 giornate (validità un ingresso per ciascun giorno): € 100 - Online € 90. Per il mantenimento dello standard professionale, Vinitaly è aperto esclusivamente agli operatori specializzati, maggiorenni: non è permesso l'ingresso ai minori di 18 anni, anche se accompagnati. La registrazione è obbligatoria.
  • Sito web: http://www.vinitaly.com/
  • Telefono: +39 0458298854
  • Uffici stampa: PAOLA C. MANFREDI STUDIO

Comunicato stampa

Artissima e la Regione Piemonte/Direzione Agricoltura rinnovano per il secondo anno la loro collaborazione nel 2015 con lo speciale progetto mirato a individuare un giovane artista contemporaneo cui affidare l’ideazione dell’immagine istituzionale della Regione Piemonte in occasione della sua partecipazione alla prossima edizione di Vinitaly.
Vinitaly quest’anno si terrà a Verona da domenica 22 a mercoledì 25 marzo 2015.
Il progetto è una straordinaria occasione per far dialogare in maniera innovativa e sinergica due eccellenze del Piemonte: l’arte contemporanea e il vino



La Regione Piemonte/Direzione Agricoltura, che già nelle quattro precedenti edizioni di Vinitaly aveva coinvolto degli artisti per la personalizzazione dello spazio istituzionale, anche quest’anno ha deciso di avvalersi delle competenze e del riconosciuto ruolo di Artissima per sviluppare il concorso di idee per la creazione dell’immagine coordinata 2015, assicurando così l’alta qualità artistica dei progetti in gara e del vincitore.
Artissima ha nuovamente chiesto a tre giovani curatori – Lorenzo Balbi, Emanuele Catellani e Sara De Chiara – di selezionare ciascuno tre artisti emergenti (nati o attivi sul territorio piemontese) da invitare a partecipare al concorso. I progetti dei nove artisti sono stati sottoposti al giudizio di una giuria composta da: Moreno Soster, Responsabile Settore Programmazione e Valorizzazione del Sistema Agroalimentare, Regione Piemonte/Direzione Agricoltura – Annalisa D’Errico, Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione, Unioncamere Piemonte – Anna Errico, Direttore, Piemonte Land of Perfection – Sarah Cosulich, Direttore Artissima insieme a Rocco Moliterni, La Stampa e Massimiliano Tonelli, Artribune, giornalisti d’arte ed esperti di enogastronomia.

Il vincitore di questa edizione è Guglielmo Castelli (Torino, 1987). L’artista è già stato finalista per il premio artistico della Fondazione VAF e per il Prix Canson ed è collaboratore per Vogue Italia dal 2011. Vive e lavora a Torino e ha esposto i suoi lavori alla Fondazione 107 di Torino e al MACRO – Museo d’Arte Contemporanea di Roma – nell’ambito della rassegna Artisti in residenza MACRO e ha partecipato a diverse mostre personali e collettive in Italia e all’estero, tra cui Amsterdam e Vienna.

La giuria ha così motivato la propria decisione: “L’opera è molto elegante, gioiosa e richiama gli scenari onirici e l’ambiguità di un baccanale. Nei suoi dettagli la scena rappresenta la vita agreste e ancestrale, presentando anche riferimenti alla storia dell’arte. L’armoniosa danza dei soggetti trasmette la pacata allegria di un clima di festa primitivo ed evocativo”.




L'immagine realizzata da Guglielmo Castelli per rappresentare il Piemonte al 49° Vinitaly


Guglielmo Castelli – cui è stato assegnato un premio di 4.000 Euro – ha proposto un’opera essenziale ma di forte caratterizzazione; il disegno rappresenta per il giovane torinese il punto di partenza del processo creativo che, in un chiaro parallelismo con quello della vinificazione, necessita di tempo, tecnica e passione per il perfezionamento del risultato finale. “L’errore diventa parte integrante di questo processo, così da poter diventare qualità ed eccellenza perché il vino non si beve, si interiorizza”.

Inoltre, i giudici hanno evidenziato l’impegno e la ricerca creativa di tutti i nove artisti partecipanti al concorso e l’originalità e qualità delle proposte presentate, riservando una speciale menzione d’onore al progetto di Roberto Fassone.