Lavoro nell’arte: opportunità da American Academy in Rome, Fondazione Scuola Patrimonio, Mattatoio

Direzione museale, digitalizzazione del patrimonio culturale, arti performative: ecco gli ambiti di interesse dei bandi, delle offerte di lavoro e delle opportunità in senso più ampio che vi proponiamo questa settimana.

Direttori di museo, artisti, performer e coreografi sono i professionisti cui si rivolgono le offerte di lavoro che abbiamo selezionato per voi questa settimana. In questo spazio diamo, infatti, una breve panoramica dei bandi aperti recentemente in Italia o prossimi alla scadenza, e alle opportunità (anche senza scopo di lucro) da cogliere al volo. Vi ricordiamo che su Facebook trovate il gruppo Artribune Jobs: vi invitiamo a iscrivervi per poter contribuire alla condivisione di bandi, concorsi, opportunità, spunti e offerte in ambito creativo. Intanto, ecco 5 proposte da tenere presente…

– Claudia Giraud

1. AMERICAN ACADEMY IN ROME CERCA NUOVO DIRETTORE

American Academy in Rome

Ancora qualche giorno di tempo per candidarsi alla direzione dell’American Academy in Rome: una delle principali istituzioni americane all’estero per lo studio e per la ricerca avanzata nelle arti e nelle discipline umanistiche ha, infatti, posticipato la data di scadenza del bando che invita artisti, studiosi e leader istituzionali a candidarsi per la carica di direttore con sede a Roma, a partire dall’estate 2022, per un periodo iniziale di tre anni (2022-2025), con possibilità di rinnovo. Il potenziale candidato deve avere un distinto record di risultati in una delle discipline rappresentate presso l’Accademia, nonché una significativa esperienza nella gestione e nell’amministrazione, e una forte conoscenza del territorio di Roma e dell’Italia.

Scadenza: 8 novembre 2021

https://aarome.bamboohr.com/jobs/view.php?id=35

2. FONDAZIONE SCUOLA PATRIMONIO – E-LEARNING SU DIGITALIZZAZIONE PATRIMONIO CULTURALE

Fondazione Scuola Patrimonio
Sono aperte le iscrizioni per partecipare a Relazioni digitali. Oggetti, contenuti, persone, un ciclo di incontri online sui temi chiave della digitalizzazione per il patrimonio culturale: cinque conversazioni pubbliche per sensibilizzare e mobilitare l’intera comunità, un’occasione di confronto collettivo per indagare le implicazioni del processo in corso e immaginare le competenze necessarie ad intraprenderlo. È una iniziativa congiunta della Digital Library, istituto del Ministero della Cultura, cui è affidata la predisposizione del Piano nazionale digitalizzazione del patrimonio culturale, e della Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali, centro internazionale di competenze per la gestione del patrimonio culturale. In cinque appuntamenti, due esperti provenienti ogni volta da ambiti disciplinari diversi, dialogheranno pubblicamente attorno a una questione chiave sollevata da un “facilitatore”. Discuteranno di implicazioni, sfide, opportunità del processo di digitalizzazione, osservandolo dal punto di vista culturale, per l’aspetto gestionale, sotto il profilo giuridico e in ambito tecnologico. Chiuderà il ciclo una riflessione conclusiva sulle competenze e le professionalità.
Scadenza: 8 novembre 2021

3. MATTATOIO – BANDO PER MASTER ARTI PERFORMATIVE DI PALAEXPO E ACCADEMIA

Ex Mattatoio Testaccio
Il Mattatoio prosegue l’attività di formazione, ricerca e produzione dedicata alle arti performative contemporanee con la presentazione del bando per partecipare al Master annuale di I livello in Arti Performative MAP_PA (Master Arti Performative di Palaexpo e Accademia) che avrà inizio nella seconda metà di gennaio 2022. Il Master è organizzato dall’Azienda Speciale Palaexpo in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Roma. Al Master saranno ammessi 20 iscritti, dieci dei quali potranno usufruire di altrettante borse di studio. Il Master MAP_PA – co-diretto da Cecilia Casorati, storica, critica d’arte e direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Roma, e da Cesare Pietroiusti, artista e presidente dell’Azienda Speciale Palaexpo, e curato da Ilaria Mancia, esperta di arti performative e curatrice presso il Mattatoio – è rivolto ad artisti e sperimentatori nelle diverse discipline delle arti performative, a curatori e teorici dell’arte contemporanea, a ricercatori e studiosi interessati a esplorare la possibilità che il concetto stesso di “arte performativa” possa espandersi verso esperienze e pratiche non necessariamente legate alle usuali modalità di allestimento e fruizione delle mostre e dello spettacolo dal vivo.
Scadenza: 30 novembre 2021

4. FDE FESTIVAL DANZA ESTATE – OPEN CALL PER COREOGRAFI UNDER 35

ECHOES, Cristina Kristal Rizzo, 2021; Foto Giulia Casamenti
Da diversi anni FDE Festival Danza Estate, rassegna internazionale di danza contemporanea nella città di Bergamo, tra i tanti nomi del panorama attuale che si susseguono in un programma sempre più ricco e articolato, ha introdotto una sezione particolare intitolata GERMOGLI. Spazio per la creatività emergente dedicata alle proposte dei coreografi under 35. Il progetto, negli anni, ha visto la partecipazione di tanti artisti tra cui Annamaria Ajmone, Luna Cenere, Cie. MF, Marco D’Agostin, Cie Bittersweet e altri ancora. In occasione della prossima edizione, FDE Festival Danza Estate ha deciso di far crescere questo progetto attraverso una open call con l’obiettivo di richiamare le proposte più interessanti del paesaggio della nuova coreografia italiana. Gli spettatori e le spettatrici del Festival parteciperanno attivamente alla selezione dei lavori, diventando così protagonisti del progetto insieme ai danzatori: dopo una prima fase a cura della direzione artistica di FDE Festival Danza Estate che selezionerà 12 compagnie, avverrà una seconda selezione composta da una giuria di spettatori del Festival coordinati da un professionista esterno.
Scadenza: 30 novembre 2021

5. NO TITLE GALLERY – CONCORSO DI ARTI CONTEMPORANEE

No Title Gallery
No Title Gallery bandisce un concorso per le arti visive con lo scopo di promuovere e valorizzare le più interessanti ricerche artistiche della contemporaneità italiana e internazionale. Le venti opere finaliste saranno esposte in una mostra collettiva presso gli spazi espositivi di Giudecca Art District, a Venezia, nel mese di Febbraio 2022. Cinque sono le categorie in gara: pittura e grafica, scultura e installazione, fotografia, video e performance, Hdemia (sezione per studenti di arti visive, licei, accademie e università).Gli artisti finalisti potranno aspirare a un premio in denaro a cura di No Title Gallery, a un premio espositivo a cura di Delta Arte, e infine a un premio comunicazione a cura di YAS Art Agency.
Scadenza: 30 dicembre 2021
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).