Fantagrahic. Un fumetto su Francis Bacon, in anteprima

È in uscita per Centauria il nuovo libro di Cristina Portolano. Una biografia a fumetti sulla vita di Francis Bacon. Lo abbiamo letto, e vi proponiamo alcune pagine in anteprima esclusiva.

Cristina Portolano Francis Bacon. La violenza di una rosa (Centauria, Milano 2019). Copertina
Cristina Portolano Francis Bacon. La violenza di una rosa (Centauria, Milano 2019). Copertina

Per un fumettista non è mai facile confrontarsi con i grandi autori del passato; decidere di affrontare vis-à-vis uno degli artisti più amati e influenti del Novecento, poi, è roba per pochi. All’interno di questa cerchia ristretta c’è Cristina Portolano (Napoli, 1986), una a cui sicuramente il coraggio non manca. È lei l’autrice dietro questo nuovo fumetto in arrivo in libreria: si tratta di Francis Bacon – La violenza di una rosa, in uscita il 19 settembre per Centauria. Il libro è un compendio illustrato sulla vita e sull’opera del grande pittore irlandese. Aggressivo, iconoclasta, tormentato, passionale. La figura di Bacon è qui proposta grazie a un lavoro di ricerca storiografica il più possibile fedele alle fonti, messo in atto dall’autrice con l’obiettivo di identificare e proporre ai suoi lettori i momenti cruciali della vita dell’artista: dall’infanzia sofferta all’interno di una famiglia di buoni costumi, ai primi viaggi giovanili in cerca di esperienze spesso estreme; dai lavori sottopagati come commesso o domestico, alla grande consacrazione artistica, arrivata nel 1944 con il trittico Tre studi di figure per la base di una crocifissione. Un’esistenza fatta di contrasti ed eccessi, quella di Francis Bacon, espressa dalla Portolano con una sequenza di tavole a quattro colori – gli stessi usati dalla palette del pittore irlandese: il malva, il rosso, il giallo acido e il blu. Un racconto per immagini appassionante, su una carriera tra le più “romantiche” e affascinante della storia dell’arte.

LE PAROLE DELL’AUTRICE

Mi sono avvicinata a Bacon in una visita alla Dublin City Gallery – The Hugh Lane di Dublino” dice Cristina Portolano. “Ovviamente già lo conoscevo come pittore e ne ero affascinata ma è stata in questa occasione che ho avuto il desiderio di raccontarlo. Francis lavorava in uno studio piccolo pieno di tele, di appunti, di fotografie; non gli serviva tanto spazio e bastava che quel poco che aveva fosse pieno di elementi a cui lui dava un ordine sulla tela. Anche io ho lavorato in questo modo. Ho avuto tutta una serie di informazioni e di immagini che lo riguardavano e che ho messo in ordine, in un libro a fumetti. Mi sono sentita come ci si sente mentre fai un puzzle complicatissimo: la prima fase è stata caratterizzata dalla documentazione, studiare il disegno e capire le forme; la seconda è stata quella di scegliere cosa raccontare e cosa tralasciare della vita di Francis; l’ultima invece è stata la realizzazione vera e propria, il vedere prendere forma (e ordine) alle cose che, come per magia, assumono un senso tutto loro. È stata un’esperienza molto formativa. Ogni progetto su cui lavoro mi pone sempre davanti ai miei limiti e la scommessa è o superarli o soccombere”.

Alex Urso

 Cristina Portolano ‒ Francis Bacon. La violenza di una rosa
Centauria, Milano 2019
Pagg. 128, € 19,90
ISBN 9788869214257
www.centauria.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alex Urso
Artista e curatore. Diplomato in Pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Brera. Laureato in Lettere Moderne presso le Università di Macerata e Bologna. Attualmente vive a Varsavia. I suoi interessi in ambito critico e curatoriale sono prevalentemente rivolti all'investigazione e alla concezione di punti di incontro tra artisti e istituzioni italiane e polacche. In questi anni Urso ha collaborato con spazi privati e pubblici, come la Galleria Nazionale di Varsavia – Zachęta e l'Istituto Italiano di Cultura di Varsavia. Nel 2017 è stato curatore della Biennale de La Biche. Dal 2014 scrive di arte per Artribune come corrispondente dalla Polonia. Dal 2013 al 2017 è stato redattore per Lobodilattice. Suoi articoli e testi critici sono apparsi su cataloghi e testate di settore nazionali e internazionali. Sempre per Artribune cura Fantagraphic, la rubrica di fumetti del sito.