Dopo New York, anche Londra avrà la sua High Line e a progettarla sarà il medesimo studio di architettura cha ha realizzato l’intervento nella Grande Mela. I lavori partiranno nel 2022.

Il team che ha ideato lo sviluppo della High Line di New York, trasformando una vecchia linea ferroviaria nel parco pubblico più visitato al mondo, ha vinto il concorso di progettazione per realizzare un progetto simile a Londra. L’intervento si svilupperà esattamente lungo una vecchia linea ferroviaria a Camden nella zona di Kentish Town, una delle aree di maggiore trasformazione urbanistica e culturale di Londra. Lo studio di architettura James Corner Field Operations ha guidato la progettazione dell’originale di New York, e ora lavorerà a Londra, insieme al noto paesaggista olandese Piet Oudolf.

L’HIGH LINE DI LONDRA

La Camden Highline di Londra si estenderà per circa un chilometro e mezzo (la metà della lunghezza della versione originale di New York), a creare un percorso pedonale sopraelevato, che parte dai Camden Gardens fino alla riserva naturalistica di Camley Street, appena a nord di King’s Cross. La linea ferroviaria è situata a otto metri di altezza dal suolo e passa sopra varie strade trafficate. Il nuovo parco sopraelevato sarà accessibile da varie scale posizionate lungo il percorso.
Il progetto prevede una serie di tavole modulari e perforate, allestite con un modello a spina di pesce, che permetterebbe all’acqua di scorrere e creare un senso di slancio lineare. Il percorso sarà dotato di panchine e aree di sosta, una zona a palcoscenico con tribuna, tavoli da picnic, passerelle e moduli aggettanti, che si affacciano sul paesaggio urbano circostante. Balconi sporgenti e viste panoramiche, combinati con diverse tipologie di scale avvolte intorno a torri e ascensori esterni, mostrano una certa somiglianza con la High Line di New York.

Camden Highline, Londra, plan
Camden Highline, Londra, plan

L’APPORTO DEL GARDEN DESIGNER PIET OUDOLF

Sarà la creatività del garden designer Piet Oudolf a rendere unico questo nuovo parco-giardino di Londra, con palette cromatiche e scelte botaniche inusuali. Il suo disegno prevede che lungo la passerella centrale siano realizzate varie fioriere contenenti betulle e querce, giardini per farfalle, aiuole per impollinatori e piante perenni. Saranno inoltre messe a dimora viti pensili che cresceranno sopra il bordo del viadotto fino a formare una sorta di pergola ombreggiante. Il tratto di infrastruttura verde prevede inoltre macchie di prato seminato con fioriture spontanee e piante autoctone, per creare un senso di natura selvaggia.
I lavori per la Camden Highline di Londra dovrebbero iniziare nel 2022. Le prime fasi del progetto vedranno il team vincente consultarsi con la comunità locale e le varie realtà coinvolte, per creare un piano di progettazione condiviso, attraverso un processo di pianificazione innovativo, ecologicamente sostenibile e guidato a livello locale.

Claudia Zanfi

www.camdenhighline.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Zanfi
Claudia Zanfi, storica dell’arte e promotrice culturale, si interessa di micro-geografie e culture emergenti. Dirige l’associazione culturale aMAZElab, che ha fondato nel 2000, e MAST – Museo d’Arte Sociale e Territoriale. Collabora con istituzioni nazionali e internazionali e con riviste d’arte su progetti dedicati ad arte, società, paesaggi. Ha firmato testi all’interno di pubblicazioni collettive e monografiche. Dirige il programma internazionale Green Island per la valorizzazione dello spazio pubblico e delle nuove ecologie urbane. Promuove inoltre progetti culturali ed editoriali, prestando particolare attenzione a temi di interesse sociale e geopolitico. Tra gli altri: A Ticket to Bagdad; Transcrossing Memories (Nicosia); Re-Thinking Beirut; Atlante Mediterraneo; Arcipelago Balkani e Going Public, progetto su società e territorio. Tiene conferenze a livello internazionale e lezioni alla Middlesex University di Londra.