Al KW Institute for Contemporary Art di Berlino va in scena un’ampia retrospettiva sul gruppo canadese Image Bank. Un’opportunità per conoscere e valutare l’originale lavoro di artisti impegnati, negli Anni Settanta, a contrastare la cultura dominante con sperimentali sistemi di mail art.

Nel 1970, gli artisti Michael Morris, Gary Lee-Nova e Vincent Trasov fondavano a Vancouver, in Canada, il collettivo Image Bank, un gruppo radicale impastato di utopia e ironia post-duchampiana che rifletteva, in tempi pre-social, sulle strategie di comunicazione di massa. Molti dei materiali prodotti dal collettivo sono ora confluiti nella mostra Image Bank, al KW Institute for Contemporary Art di Berlino, che consente di far luce sulla storia di questa rete internazionali di artisti, impegnati nella condivisione di immagini, video e testi, scambiati con la posta ordinaria. Un tentativo di rendere democratica e partecipata, in tempi non sospetti, la cultura dell’immagine in controtendenza rispetto a quella dominante.
La mostra, del resto, in linea con un trend che ha visto parecchie istituzioni internazionali focalizzare la propria attenzione sul tema dell’archivio e della documentazione, assume oggi, in un contesto saturato dalla cultura visiva e dalle piattaforme di condivisione, il valore di una testimonianza critica e profetica nei confronti del tempo presente. Oggetti, lettere, fotografie, video e un grande schermo riportano origini e funzionamento di Image Bank, che aveva sperimentato, ante litteram, un vero e proprio sistema di contenuti generato dagli utenti, attraverso un folto indirizzario in cui un elenco di artisti fruiva e distribuiva materiali iconici, implementando una rete di scambio per corrispondenza.

Image Bank, materiali d’archivio. Installation view at KW Institute for Contemporary Art, Berlino 2019. Photo Frank Sperling
Image Bank, materiali d’archivio. Installation view at KW Institute for Contemporary Art, Berlino 2019. Photo Frank Sperling

ARTISTI E PSEUDONIMI

Sebbene la pratica fosse ispirata da criteri antisistema, gli artisti catalogavano i documenti raccolti secondo precise tipologie, secondo parole chiave (per esempio “1984” o “Piss Pics”) di agile acceso anche per la consultazione odierna. Spesso operavano con bizzarri pseudonimi, intercambiabili tra loro, in polemica con il concetto di proprietà artistica. Il più famoso, “Mr Peanut”, era utilizzato dallo stesso Trasov, come dimostrano le molte immagini che lo ritraggono nel grottesco travestimento da nocciolina americana con cui faceva pubblicità al gruppo e con il quale si candidò persino come sindaco alle elezioni municipali di Vancouver del 1974, guadagnando 5mila preferenze.

I PROTAGONISTI

La mostra, realizzata in collaborazione con la Morris and Helen Belkin Art Gallery della University of British Columbia di Vancouver, presenta la più completa retrospettiva di Image Bank allestita finora e offre una panoramica esaustiva sui protagonisti di quella stagione poco conosciuta al di fuori dei confini canadesi. Oltre a Morris, Trasov e Lee-Nova, anche Dana Atchley, Robert Cumming, Dick Higgins, Geoff Hendricks, Glenn Lewis, Eric Metcalfe, Kate Craig, Willoughby Sharp, General Idea e Ant Farm, Ray Johnson con la New York Correspondence School e Robert Filliou.

Marilena Di Tursi

Berlino // fino al 1° settembre 2019
Image Bank
KW INSTITUTE FOR CONTEMPORARY ART
Auguststrasse 69
www.kw-berlin.de/en/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marilena Di Tursi
Marilena Di Tursi, giornalista e critico d'arte del Corriere del Mezzogiorno / Corriere della Sera. Collabora con la rivista Segno arte contemporanea. All'interno del sistema dell'arte contemporanea locale e nazionale ha contribuito alla realizzazione di numerosi eventi espositivi, concentrandosi soprattutto sulla promozione dei giovani artisti pugliesi dal 1988 fino ad oggi. È autrice di numerose pubblicazioni e di testi critici di presentazione dell’opera di giovani artisti, contenuti in cataloghi redatti in occasione di mostre personali e collettive. Per conto della Fondazione Corriere della Sera, in qualità di membro del consiglio scientifico, ha curato cicli di incontri dedicati all’arte contemporanea nell’ambito dell’iniziativa “Da Est a Ovest Bari incontra il mondo” (2015/2016) e “Quanto è contemporanea l’arte contemporanea?” (2016, con Marco Scotini, Achille Bonito Oliva, Domenico Fontana, Marco Senaldi). Laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Bari, con una tesi in Storia dell’arte contemporanea, ha conseguito la specializzazione triennale in storia dell’arte medievale e moderna presso l’Università “La Sapienza” di Roma e il titolo di Dottore di ricerca in Documentazione, catalogazione, analisi e riuso dei beni culturali presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bari. Insegna Storia dell’arte nel locale Liceo artistico.