Su Sky Arte: la rivoluzione culturale passa per un taglio di capelli

Dai capelli lunghi degli hippie alle creste punk, il Novecento è costellato di acconciature memorabili. Sono state mode passeggere, oppure veri atti di ribellione verso l’ordine costituito?

Cheveux en Bataille

Negli anni Cinquanta, sulla scia di Elvis Presley i ragazzi ostentavano ciuffi a banana dall’aspetto scultoreo. Negli anni Sessanta, gli hippie introdussero i capelli lunghi e si fecero strada le acconciature proprie della comunità nera. E poi, negli anni a venire, abbiamo avuto creste punk e dreadlocks da rasta, solo per citare due tendenze d’esempio.
Tutto il Novecento, almeno, è denso di casi in cui un’acconciatura ha rappresentato molto più di una moda: spesso è stata una vera e propria affermazione di identità, di appartenenza a un gruppo ben definito; a volte, persino, un atto di aperta ribellione all’ordine sociale.
Si pùo attraversare la storia del gusto nel Novecento attraverso… i capelli? La risposta la fornisce un divertente, e illuminante, documentario intitolato Un Diavolo per capello – I re dell’hairstyle, in onda su Sky Arte il prossimo venerdì 17 agosto, alle ore 19:15.
Coinvolgendo testimoni dei movimenti culturali che si sono succeduti nel Ventesimo secolo, interrogando chi ha optato per un taglio di capelli non esattamente “comune”, il documentario promette di “districare” più di un secolo di acconciature e mode, svelandone finalmente l’importante significato sociale.

Cheveux en Bataille

Il sito di Sky Arte è powered by Artribune, che ne cura contenuti e interfaccia digitale. Scoprite a questo link le novità di palinsesto e le news che arricchiscono il portale del primo canale televisivo culturale italiano in HD.

http://arte.sky.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.