Martin Parr (1952) è uno dei fotografi contemporanei più riconoscibili. Le sue immagini, sempre pungenti, ironiche, talvolta spietate nella loro sincerità, rappresentano il ritratto di un certo tipo di società borghese, fatta di apparenze e ostentazioni. L’artista ha spesso ritratto luoghi e persone del suo paese di origine, la Gran Bretagna, e si è sempre dimostrato molto legato alle proprie radici culturali. Per questo nei mesi scorsi ha dato vita a una fondazione con la mission specifica di preservare e divulgare il lavoro dei fotografi britannici, a partire dal proprio. La Martin Parr Foundation si trova a Bristol e svolge attività di esposizione e conservazione, oltre ad ospitare una biblioteca ad accesso pubblico con oltre duemila libri e riviste. Per i fotografi che vorranno diventare soci della fondazione, è inoltre disponibile uno studio con attrezzature per sviluppare, scansionare e stampare le proprie immagini.

www.martinparrfoundation.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.