La pittura intuitiva di Roberto Chessa in mostra a Cagliari

Dopo Nuoro, la mostra “Tracce di tensione” di Roberto Chessa approda a Cagliari alla Fondazione per l’Arte Bartoli Felter

Di forme scultoree rigorosamente geometriche e schematiche è fatta la cospicua produzione pittorica di Roberto Chessa (Nuoro, 1978). Forme apparentemente riconoscibili muovono dall’osservazione della realtà per condurci al di fuori di essa. Il suo è un universo spiazzante abitato da strutture acuminate, spigolose e inquietanti nonostante i valori cromatici esprimano il contrario. Figure antropomorfe e zoomorfe, prive di qualunque elemento decorativo, si stagliano sul vuoto, su uno spazio senza tempo, con l’obiettivo di esaltarne la forma, mettere in evidenza le ombre che genera e conferire ulteriore disorientamento.

Roberto Chessa, Untitled, 2021, acrilico su legno, 20 x 25 cm. Photo Nelly Dietzel
Roberto Chessa, Untitled, 2021, acrilico su legno, 20 x 25 cm. Photo Nelly Dietzel

LA MOSTRA DI ROBERTO CHESSA A CAGLIARI

Derivanti dalla tridimensionalità dei graffiti della cultura urbana, i soggetti dell’universo creativo dell’artista, di costruttivista memoria e intuizioni vicine al secondo Futurismo, sono la metafora di una società al collasso, afflitta da tensioni e sempre più chiusa in se stessa. Non a caso l’artista afferma: “Vivo la pittura come un’intuizione”.
La mostra alla Fondazione per l’Arte Bartoli Felter, curata da Chiara Manca e costituita da circa ottanta opere di varie dimensioni, vuole insinuare dubbi e incertezze, provocando sensazioni di smarrimento, ma soprattutto vuole suggerire una direzione, quella di una realtà che va ricomposta.

Roberta Vanali

Eventi d'arte in corso a Cagliari

Evento correlato
Nome eventoRoberto Chessa - Tracce di tensione
Vernissage04/03/2022 ore 18
Duratadal 04/03/2022 al 18/03/2022
AutoreRoberto Chessa
CuratoreChiara Manca
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoTEMPORARY STORING
IndirizzoVia XXIX Novembre 7 - Cagliari - Sardegna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.