In Wonder(Is)land. Mostra open air di installazioni immersive sull’Isola del Garda

Nove installazioni artistiche luminose e immersive invadono l’Isola del Garda per una mostra open air, nei giardini di Villa Cavazza. Le immagini

Fino al 16 agosto sull’isola del Garda è in corso In Wonder(Is)land, mostra che, ispirandosi  ad Alice in Wonderland di Lewis Carroll, presenta nove maxi-installazioni immersive.  Delle maxi-installazioni, 8 sono dell’artista Vera Uberti, anche Art Director dell’iniziativa, mentre l’ultima Open My Glade è realizzata da una special guest, la video artist Pipilotti Rist (1962, Grabs, Svizzera). Per raggiungere Villa Cavazza, sede del Mai Museum, bisogna imbarcarsi da Porto di San Felice del Benaco (Brescia) alle otto di sera. In meno di 20 minuti si raggiunge l’Isola del Garda, pronti, dopo aver attraversato lo specchio d’acqua, a varcare la soglia dello specchio metaforico con Alice: da una realtà abitudinaria ad una dimensione di sorpresa e divertimento. Vera Uberti (1964, Brasile) fondatrice di Mai Museum, esplora le tecnologie e il digitale per inglobare il fruitore nella creazione artistica. Lo circonda di luce e colori, con illusioni ottiche e percettive tra cerchi azzurri e fumanti, lunghe liane luminose che pendono dagli alberi e un sentiero aggrovigliato di strane fluorescenze/infiorescenze geometriche. Ecco le immagini…

— Giorgia Basili

 https://www.maimuseum.it/ 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giorgia Basili
Giorgia Basili (Roma, 1992) è laureata in Scienze dei Beni Culturali con una tesi sulla Satira della Pittura di Salvator Rosa, che si snoda su un triplice interesse: letterario, artistico e iconologico. Si è spe-cializzata in Storia dell'Arte alla Sapienza con una tesi di Critica d'arte sul cinema di Pier Paolo Pasolini, letto attraverso la lente warburghiana della Pathosformel. Collabora con diverse riviste di settore prediligendo tematiche quali l’arte urbana e il teatro, la cultu-ra e l’arte contemporanea nelle sue molteplici sfaccettature e derive mediali. Affascinata dall’innesto del visivo con la letteratura, di tea-tro e mitologia, si dedica alla scrittura di poesie per esprimere la propria sensibilità e il proprio pensiero estetico-critico su ciò che la circonda.