Dove i mari si incontrano. La mostra di Maria Domenica Rapicavoli a Otranto

Inaugurando l’attività dell’associazione Cijaru a Otranto, “Make This Earth Home” è una mostra nella quale si esprime efficacemente la vocazione dell’arte contemporanea a farsi catalizzatrice di risorse ed energie locali, per amplificarne la portata e aprirle a una dimensione attuale, pubblica, condivisa.

La mostra Make This Earth Home nasce da una felice collaborazione a tre: un curatore e teorico dall’esperienza internazionale, incentrata sui visual culture studies; uno storico dell’arte, incaricato della ricerca scientifica e Maria Domenica Rapicavoli (1976), catanese ormai integrata a New York, invitata a Otranto per una residenza d’artista.
Se Rapicavoli è solita concepire operazioni che rendano tangibili le strutture di potere (economiche, politiche, militari) che condizionano la nostra vita quotidiana, qui si cimenta invece nella sfida di rendere visibili e connessi i molti e stratificati aspetti che qualificano il territorio di Otranto: il recente recupero e restauro di Torre Matta presso il Castello aragonese, a opera delle istituzioni locali; la ricchezza delle tradizioni e delle competenze artigianali; lo spessore storico, che si misura dalle profondità spazio-temporali di importanti siti preistorici fino all’epoca moderna; la bellezza unica di una terra collocata all’estremo oriente della nostra penisola, dove due mari, Adriatico e Ionio, si incontrano.

LE INSTALLAZIONI DI RAPICAVOLI

Traduce questa fitta rete in un’esperienza estetica immersiva, nelle installazioni collocate presso Torre Matta, e relazionale, nelle sculture-sedute presso il lungomare. Disegnando una circolarità di rimandi, i diversi ambienti alludono ai quattro elementi, acqua, aria, terra e fuoco, come anche al paesaggio costiero otrantino: il colore intenso e mutevole del mare è in contrasto con il rosso della terra, come accade nel Lago Cava di bauxite. Coinvolgendo maestranze locali, i materiali impiegati nella produzione delle opere sono quelli tradizionali: terracotta, pietra leccese, cartapesta.

Maria D. Rapicavoli, Terra#2, 2020; opera installata presso Lungomare degli Eroi, Otranto per la mostra personale “Make This Earth Home”, Torre Matta, Otranto 2020, pietra leccese scolpita; 180x95x45 cm, courtesy l’artista. Photo Raffaele Puce
Maria D. Rapicavoli, Terra#2, 2020; opera installata presso Lungomare degli Eroi, Otranto per la mostra personale “Make This Earth Home”, Torre Matta, Otranto 2020, pietra leccese scolpita; 180x95x45 cm, courtesy l’artista. Photo Raffaele Puce

L’ANTICO E L’ARTE CONTEMPORANEA

Ma nucleo generativo dell’intero impianto è la dimensione primordiale della Grotta dei Cervi di Porto Badisco, sito archeologico importantissimo quanto poco studiato e valorizzato, custode di complessi pittogrammi e reperti di epoca neolitica la cui simbologia schiude visioni ancestrali e dimostra come questi territori fossero già epicentro di una cultura materiale e artistica condivisa e stratificata, dal Nord Italia al Sud all’Oriente delle terre oltremare (un unicum di cui sarà poi testimonianza il pavimento della cattedrale di Otranto). Forme circolari e a spirale, figure femminili metà umane e metà animali raccontano di antiche società matriarcali, il cui messaggio risuona nelle forme concave scelte da Rapicavoli: grotte, anfore, conchiglie, nel loro legame con l’acqua, sono simbolo di accoglienza e contenimento, del potere rigenerativo della Grande Madre Terra.

Emanuela Termine

Evento correlato
Nome eventoMake This Earth Home (Fai di questa terra una casa)
Vernissage26/06/2020
Duratadal 26/06/2020 al 01/11/2020
AutoreMaria Domenica Rapicavoli
CuratoreFrancesco Scasciamacchia
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoTorre Matta
IndirizzoVia Immacolata, 26, 73028 Otranto LE - Otranto - Puglia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Emanuela Termine
Emanuela Termine (Roma, 1978) è storica dell’arte e curatrice. Ha conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università La Sapienza di Roma, con una tesi sulle relazioni fra arte e architettura in Italia tra gli Anni Cinquanta e Settanta. Fino al 2013 è stata responsabile della segreteria organizzativa presso la Fondazione Bruno Zevi. Dal 2006 è curatrice senior presso Sala 1 Centro Internazionale d’Arte Contemporanea, a Roma. Nel 2012 ha curato il progetto “Lingua Mamma”, vincitore del concorso "Arte, Patrimonio e Diritti Umani", indetto da Connecting Cultures con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.