Sit down to have an Idea, la poltrona d’artista di Andrea Bianconi arriva in cima alle Dolomiti

La poltrona con la scritta Sit down to have an Idea di Andrea Bianconi, un invito a sedersi e a riflettere aperto a tutti, giunge con una performance sulla Cima del Monte Carega, tra Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Scopo del progetto è sostenere la Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica

Andrea Bianconi, Spedizione Cima Carega,_Sit Down To Have An Idea - Courtesy l'Artista
Andrea Bianconi, Spedizione Cima Carega,_Sit Down To Have An Idea - Courtesy l'Artista

Arriva sulla Cima del Monte Carega – vetta più alta delle Piccole Dolomiti che tocca Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia – Sit down to have an Idea, progetto dell’artista Andrea Bianconi che nelle tappe precedenti di Bologna, in 24 luoghi della città durante l’ultima edizione di ArteFiera e poi al Teatro Due, ha visto 24 poltrone con la scritta Sit down to have an Idea invitare il pubblico a sedersi, riflettere “avere un’idea”. “Ogni volta che qualcuno mi viene a trovare, vuole sedersi sulla mia poltrona pensando di essere ispirato”, racconta l’artista circa la genesi della sua opera. “Allora mi sono detto: perché non dare la possibilità a tutti di sedersi, riflettere e avere un’idea?”. Il prossimo 5 luglio la poltrona artistica di Bianconi raggiungerà la Cima del Monte Carega, con una spedizione-performance che vedrà i runner del Durona Team impegnati nel portare in spalla la poltrona partendo dal Rifugio Revolto (1.336 metri) fino alla Cima Carega a 2259 metri (con un dislivello di 1000 metri). Scopo del progetto è sostenere la Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica presieduta da Matteo Marzotto: nel giorno in cui si terrà la Spedizione Cima Carega, saranno messe in vendita delle bandane d’autore realizzate da Bianconi con la scritta Sit down to have an idea, e il ricavato sarà devoluto alla Fondazione.

LA POLTRONE DI ANDREA BIANCONI SULLA CIME DEL MONTE CAREGA

“La fibrosi cistica è una malattia che toglie il respiro e che ha molte caratteristiche in comune con il Covid, dalla mascherina, al distanziamento fisico, alle difficoltà respiratorie”, spiega Andrea Bianconi. Il mio pensiero è andato a questi malati ancora in attesa di una cura risolutiva, di cui ho deciso di sposare la causa, sostenendo con questo progetto la Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica. Con un’azione performativa porterò la mia seduta ‘Sit down to have an Idea’ sulla vetta del Monte Carega per dare ossigeno alle Idee e alla Ricerca attraverso l’arte e la cima della montagna, sua massima espressione. Una poltrona pensata per sensibilizzare le persone a ripensare il mondo nel rispetto dell’ambiente e di nuove prospettive, perché c’è bisogno di idee innovative e coraggiose, in tutti i campi. Un’azione per sensibilizzare alla Ricerca, che mai come in questo momento ha dimostrato il suo incommensurabile e universale valore”. Una volta raggiunta la vetta, la poltrona diventerà un’installazione permanente, a disposizione di tutti coloro che vorranno godere del panorama seduti sulla poltrona d’artista. A prendersi cura dell’opera sarà il rifugio Fraccaroli, gestito da oltre 50 anni dalla Famiglia Baschera.

– Desirée Maida 

www.andreabianconi.com
www.fibrosicisticaricerca.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.