Musei, Fase 2 e riapertura. Intervista a Luigi Fassi dal Man di Nuoro

È partita il 4 maggio la Fase 2 in tutta Italia. Ma per i musei si parla di riapertura a partire dal 18 maggio se tutto andrà bene. Saranno pronti, che cosa accadrà? La parola a Luigi Fassi direttore del Man di Nuoro

Kiluanji Kia Henda. Something Happened on the Way to Heaven. Installation view at MAN, Nuoro 2020. Photo Emma Rivera
Kiluanji Kia Henda. Something Happened on the Way to Heaven. Installation view at MAN, Nuoro 2020. Photo Emma Rivera

Il 26 aprile è stata una data catartica per gli operatori del settore culturale che hanno visto il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte annunciare in conferenza stampa il via libera (se ovviamente queste due settimane di sperimentazione lo consentiranno) per la riapertura dei Musei italiani a partire dal 18 maggio (qui Sylvain Bellenger, direttore del Museo di Capodimonte ci aveva detto la sua). Ovviamente con delle restrizioni, rispettando il distanziamento sociale e molto altro ancora. Noi di Artribune, nel fortunato format di dirette Instagram 10 alle 10 ci siamo confrontati sul tema con Antonio Lampis della Direzione Generale Musei e prima ancora con la direttrice del Castello di Rivoli Carolyn Christov-Bakargiev. In attesa che scocchi l’ora zero ci stiamo confrontando con direttori e presidenti di Musei italiani pubblici e privati per capire cosa accadrà a partire dal 18 maggio. Incontriamo Luigi Fassi, alla guida del Man di Nuoro, in Sardegna.

Museo MAN di Nuoro
Museo MAN di Nuoro

Come avete salutato la notizia di una possibile riapertura del 18 maggio?
La Sardegna vuole portarsi avanti con le riaperture e in questa prossima fase di sperimentazione post lockdown lavoriamo per riaprire il museo in sicurezza. L’obiettivo è tornare ad assaporare un dato chiave per un museo civico, quello di un rapporto di piena fiducia con il proprio pubblico.

Sarete pronti per quella data?
Lavoriamo per riaprire a fine maggio, per farlo in tranquillità e nella certezza di poter offrire serenità ai visitatori.

Avete ricevuto delle linee guida o dei criteri di base per ciò che concerne le tecniche di distanziamento sociale e la sicurezza dello staff?
Si è stilato un protocollo di sicurezza con la Provincia di Nuoro in attesa di ulteriori indicazioni dal Ministero e dalla Regione. In questi giorni ci stiamo portando avanti con i primi interventi strutturali nel museo. La priorità è venire in contro alle esigenze di sicurezza dello staff, dei visitatori e delle opere in una fase in cui avranno luogo regolari processi di sanificazione.

Quali saranno le prime azioni che porterete avanti?
Completati gli adeguamenti di sicurezza completeremo l’allestimento della mostra Il regno segreto. Sardegna-Piemonte: una visione postcoloniale, che doveva inaugurare a metà marzo.

Luigi Fassi
Luigi Fassi

Come pensi che cambierà il rapporto tra museo e spettatore?
Nelle prossime settimane e mesi ci sarà più cautela da parte di tutti nella frequentazione degli spazi pubblici. Poi prevarrà l’affezione del pubblico nei confronti dei musei che sono divenuti abituali luoghi di confronto e conoscenza per la comunità di riferimento.

State cercando di aprire un dialogo con il Ministero? Con che richieste?
Si, è un processo che stiamo condividendo con l’AMACI, in un confronto il più serrato e diretto possibile anzitutto tra le istituzioni stesse dell’associazione. 

Cosa salvi dei tuoi piani precedenti e cosa pensi che invece ormai sia irrecuperabile e irrimediabilmente obsoleto?
Riusciremo a salvare il nostro programma espositivo sebbene posponendo in avanti sino al 2021 alcuni dei progetti previsti per l’anno in corso. Sarà più complicato tenere viva l’attività didattica e di mediazione, in particolare con le scuole. In questa fase organizziamo ogni settimana workshop per bambini via Facebook. L’auspicio è che alla ripresa delle scuole dopo l’estate possano esserci le condizioni per un ritorno fisico al museo. Se così non sarà da subito, ci avvarremo ancora degli strumenti digitali per dialogare con i ragazzi delle scuole e gli adulti. In generale, i canali digitali saranno un’importante eredità da portare avanti nel futuro potenziandone il ruolo, ad esempio in termini di propedeutica alle mostre e loro approfondimento nel tempo.

FLAMIN Fellowship in Sardinia. Gli artisti in visita al Museo MAN di Nuoro con il direttore Luigi Fassi Ph. Barbara Pau
FLAMIN Fellowship in Sardinia. Gli artisti in visita al Museo MAN di Nuoro con il direttore Luigi Fassi Ph. Barbara Pau

Quali sono le urgenze, a tuo parere, fondamentali per la ripartenza dell’intero settore dell’arte?
Salvaguardare le professionalità di tutti, affinché nessuna venga dispersa o debba rischiare di soccombere. Penso innanzitutto agli artisti e alla necessità di mantenere una loro sostenibilità professionale ma anche a categorie come quella degli operatori di mediazione e didattica nelle istituzioni. Occorre uno sforzo cooperativo da parte di tutti e il mio auspicio è che a livello istituzionale prevalga un senso di solidarietà e cooperazione piuttosto che di competizione. Il MAN ha avviato il progetto Connessioni Inventive assieme all’ICA di Milano secondo quest’ottica, ottimizzare sforzi e risorse per condividere e progettare assieme a partire dai contenuti e dalle idee. 

Santa Nastro

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.