Retrospettiva di David Hockney in Germania: 100 opere in arrivo dalla Tate

Nella retrospettiva al Bucerius Kunst Forum di Amburgo, molte delle opere chiave della ultrasessantennale carriera dell’artista britannico sono esposte insieme per la prima volta in Germania

David Hockney George Lawson and Wayne Sleep, 1972 1975, Tate, London, © David Hockney, © Foto Tate, London 2019
David Hockney George Lawson and Wayne Sleep, 1972 1975, Tate, London, © David Hockney, © Foto Tate, London 2019

È una retrospettiva di circa 100 opere provenienti per la maggior parte dalla Tate, la mostra dedicata a David Hockney (Bradford, 1937), tra i più grandi artisti e disegnatori del Novecento. Si focalizza, infatti, su tutta la sua carriera di pittore e grafico, dai primi lavori come Woman with a Sewing Machine del 1954, realizzato quando era ancora uno studente d’arte, al panorama di grande formato In Studio del 2017. Works from the Tate Collections – questo il titolo dell’esposizione appena inaugurata al Bucerius Kunst Forum di Amburgo per proseguire fino al 10 maggio 2020 – è un viaggio attraverso le molte tecniche utilizzate da Hockney in oltre sessant’anni di carriera artistica, proprio a partire dai suoi giorni da studente al Royal College of Art di Londra, quando si dedica all’indagine sulla natura del vedere e della rappresentazione visiva. Poi, i numerosi ritratti e nudi dimostrano ulteriormente il suo occhio attento per le relazioni interpersonali e il suo interesse per il corpo maschile. Infine, è da segnalare che molte delle opere chiave della sua carriera sono esposte insieme per la prima volta in Germania. Ecco le immagini…

– Claudia Giraud

David Hockney – Works From The Tate Collection
Fino al 10 maggio 2020
Bucerius Kunst Forum, Alter Wall 12, 20457 Hamburg
https://www.buceriuskunstforum.de/ 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).