Finestre sull’inaccessibile: Patrick Jacobs a Milano

The Pool NYC, Milano – fino al 29 febbraio 2020. La prima personale italiana dell’artista newyorkese, sulla linea sottile che separa il limite della percezione umana dalla possibilità di oltrepassarlo. Con vedute più ampie. Con l’immaginazione.

L’arte di Patrick Jacobs (Merced, 1971) ha il potere di creare mondi immensi a partire dal limite, dal dramma del vuoto esistenziale. È questa la sensazione che s’intuisce quando lo sguardo si posa sui suoi diorami: attraverso piccoli spiragli e un gioco ottico di luce e lenti, è possibile affacciarsi su una realtà oltre ogni dimensione e prospettiva e proiettarsi in un’esistenza ulteriore, trasfigurata, di cui il fruitore non potrà mai far parte, ma da cui si sente irrimediabilmente coinvolto. Gli occhi osservano questi mondi fittizi, consapevoli di esserne esclusi. Ed è questo anelito eternamente impossibile che li rende ancor più desiderabili. La mostra, rappresentativa del percorso evolutivo di Jacobs, è una sapiente veduta sulla natura madre e matrigna, sulla sua bellezza e la sua contraddizione, ma soprattutto sulla sua forza, che affonda le radici in una terra fatta di miti, forti e terribili, come emerge, in particolare, dai Fairy Rings. La poesia conturbante dei paesaggi plasmati dalla visione dell’artista è troppo avvolgente per essere solo surreale: la sfida è nel riuscire a staccarsi da questa poesia, dalla fantasia che ha permesso di travalicare il confine del qui e ora.

Linda Taietti

Evento correlato
Nome eventoPatrick Jacobs - Nocturnes
Vernissage14/11/2019 ore 18
Duratadal 14/11/2019 al 29/02/2020
AutorePatrick Jacobs
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoTHE POOL NYC
IndirizzoPalazzo Fagnani, Via Santa Maria Fulcorina, 20 20123 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Linda Taietti
Nata nel 1991, vive a Bergamo e Milano, dove studia Lettere moderne alla Statale, dopo una laurea triennale in Filologia romanza. Oscillando fra il richiamo del passato e l’interesse per la contemporaneità, legge e scrive. Predilige in particolar modo la poesia e la ricerca della traccia continua che attraversa l’arte in ogni sua forma.