Matera 2019. Le 3 cose da non perdere questo fine settimana nella Capitale della Cultura

Street art, scuole e patrimonio culturale, la pace nell’arte: ecco gli appuntamenti più interessanti in programma questo fine settimana a Matera, nell’ambito degli eventi di Capitale Europea della Cultura.

Le arti come strumento per riscoprire le tradizioni e le radici culturali del territorio e della comunità: è questo il fil rouge che lega le tante e diversificate iniziative promosse nell’ambito di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, con una programmazione di eventi che coinvolge in prima persona esponenti italiani e internazionali del mondo della cultura ma anche e soprattutto il pubblico. Una collettiva dei 12 street artist che hanno realizzato murales a Matera negli ultimi quattro anni; una mostra che racconta la riscoperta degli archivi da parte degli studenti lucani; un progetto artistico itinerante sulla pace, sono tra le attività che caratterizzano il cartellone di eventi di questo fine settimana. Ecco nel dettaglio tutti gli appuntamenti…

-Claudia Giraud

https://www.materaevents.it

1. LA STREET ART A MATERA, IN MOSTRA ALLA MOMART GALLERY

Live painting di Gods in love il 19 gennaio 2019, durante l’inaugurazione di Matera 2019 presso la Momart Gallery in piazza Madonna dell’Idris, sulle tavole di cantiere

Chekos, Mister Thoms, Giorgio Bartocci, Luca Bia, Daniele Geniale, Carlitops, Nico Skolp, Biagio Lieti, Gods in love, Rizek, Ironmould, Ligama sono gli autori degli interventi di street art che hanno coinvolto Matera negli ultimi quattro anni. Si tratta del percorso intrapreso dalla Momart Gallery nel 2015 con un progetto sui muri del parco Macamarda in via Saragat, che si conclude nel 2019 con la direzione artistica della Openplayfulspace/Uisp Basilicata e di Matera 2019. Ora, quell’esperienza sarà documentata dall’inedita mappa turistica curata da Momart per la Fondazione Matera 2019. Si tratta di una guida itinerante di tutti gli interventi di arte urbana realizzati in questi ultimi anni nella città di Matera e negli altri paesi del territorio lucano. Durante la giornata inaugurale della mostra, gli artisti si avvicenderanno sul piazzale esterno della Momart nella realizzazione di happening e live painting a più mani, per far vivere al pubblico la magia della creazione di un’opera di grandi dimensioni.

Matera Streetart 2019
Dal 21 dicembre 2019 (inaugurazione ore 18) al 20 gennaio 2020
Momart Gallery, piazza Madonna dell’Idris (quartiere Sassi)

2. LA MEMORIA DI MATERA SECONDO LE NUOVE GENERAZIONI

Laboratori scuole

Una mostra che racconta la riscoperta degli archivi da parte degli studenti lucani. Si tratta di Scuole tra passato e futuro che raccoglie i lavori realizzati dai ragazzi delle oltre 70 scuole lucane coinvolte nei progetti di Matera 2019 19 Scuole X 19 Archivi e Patrimonio In Gioco, sostenuti dalla Dileo Pietro SpA, School Partner di Matera 2019: attraverso gli occhi degli studenti viene rianimato il rapporto fra passato e presente, immaginando un futuro costruito sulle memorie di chi vi ha abitato. Perché la storia non è soltanto un insieme di date, ma un archivio di fatti, eventi, memorie individuali e collettive. Memorie che raccogliamo nelle forme più disparate, dalle carte degli archivi ad oggetti di collezioni, a video e registrazioni delle memorie orali che ci riportano immagini e voci del passato.

Scuole tra passato e futuro
Fino al 31 dicembre 2019
Ipogei di Piazza San Francesco D’Assisi

3. MATERA CITTÀ DELLA PACE 2019

L’Eco della Pace

Matera, Capitale Europea non solo della Cultura ma anche Città della pace 2019. Lo dimostra la collettiva itinerante di grandi artisti di ieri e di oggi L’Eco della Pace, che farà tappa dal 22 dicembre 2019 anche nel capoluogo lucano, presso la storica sede “ La Scaletta”, associazione che da oltre cinquant’anni rappresenta il cuore artistico e culturale di Matera. L’iniziativa, che vedrà esposte cinquanta grafiche realizzate da artisti internazionali del Secondo Novecento come ad esempio Giacomo Manzù, raccoglie un nucleo di inediti materiali d’archivio sul tema della pace, provenienti dalla collezione privata della casa editrice il Sextante di Mariapia Ciaghi. Il percorso della mostra è scandito in parallelo dalle opere di venti artisti contemporanei, selezionati da Paola Valori nell’ambito del progetto Open_Generazioni a Confronto, giunto ormai alla quarta edizione.

L’Eco della Pace
Dal 22 dicembre 2019 al 7 gennaio 2020
La Scaletta, Via Lucana 50

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).