Tra Oriente e Occidente. T-yong Chung a Roma

Keats-Shelly House, Roma ‒ fino al 10 ottobre 2019. Posta accanto alla scalinata di Piazza di Spagna, la Keats-Shelly House gode non solo di una posizione privilegiata, ma soprattutto di un patrimonio di manoscritti di alcuni dei maggiori intellettuali europei. La mostra dell’artista coreano T-yong Chung inaugura un calendario di importanti celebrazioni.

Potremmo definirli dei mutanti quelli che T-yong Chung (Tae-gu, 1977) espone alla Keats-Shelly House di Roma in occasione del bicentenario dell’anno più creativo per John Keats e Percy Bysshe Shelley ‒ amici e vicini di casa a Roma intorno al 1820.
L’artista espone un’opera installativa ponendo al centro la figura di Keats in un dialogo costante con Shelley. Sul gruppo di busti esposti, però, l’artista è intervenuto provocando dei tagli netti su diverse parti del volto, modificandone così i connotati che li caratterizzavano. L’immagine prodotta acquisisce, in questo modo, un’identità nuova e contemporanea, lontana dal suo contesto iniziale. Una pratica che ha l’intento di raccontare una nuova verità che si nasconde o appare con la sua incompiutezza, esprimendo un dialogo tra passato e presente, classicità e modernità, Oriente e Occidente. Disposte, poi, nei vari ambienti si trovano alcune sculture di uccelli che rimandano alla poetica del Romanticismo.

Donatella Giordano

Evento correlato
Nome eventoT-yong Chung - Stanze. Odes to the Present
Vernissage28/02/2019 ore 18
Duratadal 28/02/2019 al 10/08/2019
AutoreT-yong Chung
CuratoreFulvio Chimento
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoKEATS SHELLEY HOUSE
IndirizzoPiazza di Spagna 26 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Donatella Giordano
Nata in Sicilia, vive a Roma dal 2001. Ha studiato presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, dove nel 2006 ha conseguito il diploma di laurea con una tesi che approfondiva la nascita dei primi happening e delle azioni performative viennesi degli anni Sessanta, fino alle controverse ricerche della Body Art degli anni Novanta. Un lavoro che ha poi portato avanti con integrazioni o interviste pubblicate, come quelle rilasciate da Stelarc, Orlan e Franko B. Dopo aver conseguito l'abilitazione, dal 2008 insegna Storia dell'Arte e Disegno in una scuola pubblica. Nell'ambito del progetto 100% Periferia ha curato mostre al Palazzo delle Esposizioni di Roma, Scuderie Aldobrandini di Frascati, Farm Cultural Park di Favara, Metropoliz di Roma. Nel 2012 ha curato la prima edizione del Digital Live della Fondazione Romaeuropa, inaugurando la sezione "Talks". Nel 2013 è stata Assistant Curator per il progetto "Joan of Art: Towards a Free Education" presso il Macro di Roma e la Gervasuti Foundation di Venezia. Ha pubblicato il catalogo “Quadratonomade, opere d’arte in scatola per un museo itinerante” edito da Gangemi. Nel 2020 ha co-curato una mostra al Museo Carlo Bilotti di Roma. Scrive per Artribune dal 2014, dove dal mese di aprile 2020 ha inaugurato la sezione Podcast con la rubrica "Monologhi al Telefono".