È morto l’artista Franco Giuli, maestro dell’astrazione

Si è spento a Fabriano lo scorso 2 dicembre l’artista Franco Giuli. Un ricordo, dalla Biennale di Venezia all’ultima retrospettiva curata da Bruno Corà.

Il maestro Franco Giuli e il critico d’arte Bruno Corà alla mostra “Franco Giuli: le costruzioni pittorico-plastiche e oltre”, Museo Bilotti, Roma, luglio 2016
Il maestro Franco Giuli e il critico d’arte Bruno Corà alla mostra “Franco Giuli: le costruzioni pittorico-plastiche e oltre”, Museo Bilotti, Roma, luglio 2016

Astrattista geniale e prolifico, fedele alle peculiarità del proprio stile ma anche all’evoluzione creativa che ne ha consentito lo sviluppo fino all’ultimo periodo, lo scorso 2 dicembre si è spento improvvisamente a Fabriano il maestro Franco Giuli. Nasce nel 1934 a Cerreto d’Esi, nell’entroterra della provincia di Ancona, è presto attivo nelle Marche dagli anni Cinquanta, ma è nel 1970 che si afferma negli ambienti romani con una personale presso lo Studio SM13.

DALL’INFORMALE ALL’ASTRAZIONE

Da lì, carriera e produzione non hanno subito interruzioni, partendo dall’informale e proseguendo una ricerca incessante sull’astrazione geometrica e sull’indagine su struttura e materiali, in cui si impone la riflessione sull’utilizzo del cartone ondulato come mezzo espressivo di elezione. Invitato a partecipare nel 1972 alla XXXVI Biennale di Venezia, ha esposto in sedi importanti in Italia e all’estero, accompagnato da autorevoli voci critiche del tardo Novecento: Giorgio Di Genova, Enrico Crispolti, Filiberto Menna, Bruno Corà ed altri.

LA RETROSPETTIVA

Una ricca retrospettiva venne presentata nel 2013 presso la Galleria Edieuropa di Roma, e le sue ultime personali sono state “Franco Giuli: le costruzioni pittorico-plastiche e oltre” presso il Museo Bilotti, Roma, nel 2016, e “Strutture e spazi di superficie” presso il Museo Riso di Palermo nel 2017, entrambe a cura di Bruno Corà.

Valeria Carnevali

Dati correlati
AutoreFranco Giuli
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valeria Carnevali
Marchigiana, dopo la laurea in Lettere Moderne conseguita a Urbino nel 1999 con una tesi in Storia dell’Arte Contemporanea, si stabilisce a Milano lavorando per diversi anni nel settore dell’editoria d’arte e collaborando con gallerie e spazi espositivi. Tornata a Fabriano nel 2007, si laurea in Scienze della Formazione Primaria, continuando a occuparsi di arte e cultura del presente, con particolare interesse per la didattica e l’educazione all’arte (e attraverso l’arte) contemporanea. È attualmente insegnante nella scuola primaria e curatore artistico. Nel 2016 fonda l’associazione Art comes to Town. Scrive per Artribune dal 2012.