È morto l’artista Franco Giuli, maestro dell’astrazione

Si è spento a Fabriano lo scorso 2 dicembre l’artista Franco Giuli. Un ricordo, dalla Biennale di Venezia all’ultima retrospettiva curata da Bruno Corà.

Il maestro Franco Giuli e il critico d’arte Bruno Corà alla mostra “Franco Giuli: le costruzioni pittorico-plastiche e oltre”, Museo Bilotti, Roma, luglio 2016
Il maestro Franco Giuli e il critico d’arte Bruno Corà alla mostra “Franco Giuli: le costruzioni pittorico-plastiche e oltre”, Museo Bilotti, Roma, luglio 2016

Astrattista geniale e prolifico, fedele alle peculiarità del proprio stile ma anche all’evoluzione creativa che ne ha consentito lo sviluppo fino all’ultimo periodo, lo scorso 2 dicembre si è spento improvvisamente a Fabriano il maestro Franco Giuli. Nasce nel 1934 a Cerreto d’Esi, nell’entroterra della provincia di Ancona, è presto attivo nelle Marche dagli anni Cinquanta, ma è nel 1970 che si afferma negli ambienti romani con una personale presso lo Studio SM13.

DALL’INFORMALE ALL’ASTRAZIONE

Da lì, carriera e produzione non hanno subito interruzioni, partendo dall’informale e proseguendo una ricerca incessante sull’astrazione geometrica e sull’indagine su struttura e materiali, in cui si impone la riflessione sull’utilizzo del cartone ondulato come mezzo espressivo di elezione. Invitato a partecipare nel 1972 alla XXXVI Biennale di Venezia, ha esposto in sedi importanti in Italia e all’estero, accompagnato da autorevoli voci critiche del tardo Novecento: Giorgio Di Genova, Enrico Crispolti, Filiberto Menna, Bruno Corà ed altri.

LA RETROSPETTIVA

Una ricca retrospettiva venne presentata nel 2013 presso la Galleria Edieuropa di Roma, e le sue ultime personali sono state “Franco Giuli: le costruzioni pittorico-plastiche e oltre” presso il Museo Bilotti, Roma, nel 2016, e “Strutture e spazi di superficie” presso il Museo Riso di Palermo nel 2017, entrambe a cura di Bruno Corà.

Valeria Carnevali

Dati correlati
AutoreFranco Giuli
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valeria Carnevali
Sempre attratta dalle forme della cultura contemporanea come espressione delle dinamiche umane, in una prima vita ho vissuto e lavorato a Milano per inseguire da vicino l’evolversi del presente, collaborando con gallerie, spazi espositivi ed editori specializzati in arte e attualità. Dal 2007 ho stabilito una nuova dimensione nella natura montana del centro Italia, occupandomi di didattica, educazione e formazione delle generazioni più giovani e viaggiando il più possibile. Conduco una vita raminga tra l’Appennino umbro-marchigiano e l’Oceano Atlantico, trovata nella città di Lisbona una seconda casa dal 2017. Sono convinta che l’educazione estetica, all’arte e attraverso l’arte, sia una chiave fondamentale di sviluppo del pensiero critico e della coesistenza democratica. Scrivo per Artribune dal 2012.