Africa underground. Guerrilla Spam a Jesi

USB Gallery, Jesi ‒ fino al 18 novembre 2018. Il collettivo di street artist si trasferisce, nella sua nuova azione, dai muri della strada a un sotterraneo antico. Cambia il modo ma non l’idea, facendo riflettere.

Lanciare contenuti di critica sociale, inondando lo spazio urbano con azioni di attacchinaggio pervasivo, è l’intento apertamente dichiarato da Guerrilla Spam fin dalla scelta del proprio nome. Questa volta, però, il collettivo di street artist toscano decide di scendere nei sotterranei e di racchiudere il proprio messaggio in una sorta di cripta. Lo spazio è quello di USB Gallery, un’antica cantina che diventa scrigno per proteggere installazioni totemiche fra il tribale e l’underground. L’inedita opzione estetica di lavorare con l’aggiunta di foglia d’oro dà al messaggio una accezione serena e il consueto tratto crudo, caricaturale e spesso disturbante che distingue il lavoro della crew si rende ora armonioso, ieratico, nobile: profonda madre Africa, che l’Europa capisca come accoglierti.

Valeria Carnevali

Evento correlato
Nome eventoGuerrilla Spam - Il granaio del cielo non può mai essere pieno
Vernissage20/10/2018 ore 17,30
Duratadal 20/10/2018 al 18/11/2018
Autore Guerrilla Spam
CuratoreAnnalisa Filonzi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoUSB GALLERY
Indirizzovia Mura Occidentali, 27 - Jesi - Marche
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valeria Carnevali
Marchigiana, dopo la laurea in Lettere Moderne conseguita a Urbino nel 1999 con una tesi in Storia dell’Arte Contemporanea, si stabilisce a Milano lavorando per diversi anni nel settore dell’editoria d’arte e collaborando con gallerie e spazi espositivi. Tornata a Fabriano nel 2007, si laurea in Scienze della Formazione Primaria, continuando a occuparsi di arte e cultura del presente, con particolare interesse per la didattica e l’educazione all’arte (e attraverso l’arte) contemporanea. È attualmente insegnante nella scuola primaria e curatore artistico. Nel 2016 fonda l’associazione Art comes to Town. Scrive per Artribune dal 2012.