Interazioni temporali. Una collettiva a Roma

Case Romane del Celio, Roma – fino al 19 novembre 2018. Sul Clivus Scauri gravitava un intero quartiere di Roma antica e le sale delle domus romane del Celio rivelano nella sovrapposizione di interventi edilizi passaggi epocali e modifiche a destinazioni d’uso. Le ceramiche della collettiva “Domestica” formano una metafora visiva sulla presa di coscienza del passato sempre presente, dello spazio vissuto, della ricerca della propria mutevole dimensione.

Tabernae, dimore signorili e luoghi di culto. Oggi installazioni site specific come azioni più recenti di un fluire ininterrotto. Le luci delle sale affrescate mostrano la stasi geometrica degli uccelli di Yvonne Ekman, che, terminato il loro breve volo di millenni, sono atterrati dalle pareti su cui sono dipinti al suolo. Illuminata è la reductio ad unum della complessità architettonica circostante operata da Mara van Wees, scala, porta, muro. Zone d’ombra rivelano invece i resti smaltati di pasto e gli organi brillanti di Sabino de Nichilo, asàrotos òikos, stanze non spazzate da secoli. Nella cella vinaria sbocciano gli iconici papaveri rossi di Riccardo Monachesi. Installazione d’impatto, fioriti in eterno nel luogo del martirio di Giovanni e Paolo.
Per essere vissuta nel migliore dei modi la mostra prevede una regressione dello spettatore, non più uomo tecnologico ma fantasma di un’altra epoca, sorpreso dall’invasione e pronto a farsi impressionare da immagini diverse, abili ad ammantare gli occhi. La quotidianità espressa tra stati di relativa tranquillità e sobbalzi istintivi, cesure epocali, martìri ripetuti.

Raffaele Orlando

Evento correlato
Nome eventoDomestica
Vernissage18/10/2018 ore 18
Duratadal 18/10/2018 al 19/11/2018
CuratoreFrancesco Paolo Del Re
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoCASE ROMANE DEL CELIO
IndirizzoClivo di Scauro, 00184 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Raffaele Orlando
Raffaele Orlando è nato a Benevento nel 1986. Sannita con influenze magnogreche maturate a Napoli durante gli anni di studio, archeologo con interessi per la museologia e la scrittura creativa. Ha svolto attività di progettazione mostre e percorsi museali alla Reggia di Caserta grazie al bando MiBACT “150 giovani per la cultura”. Oggi vive e lavora a Roma con l'obiettivo di ricostruire aspetti della vita quotidiana in antico e nella contemporaneità.