Art and business. A Venezia nuove sinergie tra arte ed impresa, a raccontarcele una mostra

Fino al 26 ottobre a Ca’ Giustinian de’ Vescovi a Venezia si presenta “Art and business: roads to innovation” un progetto espositivo che mira a raccontare le sinergie che si instaurano tra arte e impresa. Le immagini

GALLERIA MICHELA RIZZO Francesco Jodice (Napoli, 1967), Capri. The Diefenbach Chronicles 2013, Stampa su carta Hahnemühle, 100 x 200 cm

A Venezia si indagano nuove sinergie tra arte ed impresa. A raccontarle Art and business: roads to innovation una mostra frutto del lavoro condiviso di Venice Galleries View, insieme a Università Ca’ Foscari di Venezia e in collaborazione con lo spin-off dell’Ateneo Strategy Innovation. Il progetto espositivo è in corso fino al 26 di ottobre presso Ca’ Giustinian de’ Vescovi a Dorsoduro. Abbiamo parlato con la curatrice Lucia Longhi. L’intervista.

IL PROGETTO ESPOSITIVO

“Il progetto nasce a maggio”, racconta Lucia Longhi ad Artribune, “da Venice Gallery View, un network di gallerie d’arte contemporanea del territorio veneziano che comprende Galleria Alberta Pane, Beatrice Burati Anderson Art Space & Gallery, Caterina Tognon, La Galleria di Dorothea Van Der Koelen, Ikona Venezia, Marignana Arte, Galleria Massimodeluca, Galleria Michela Rizzo, Victoria Mirò e Zuecca Project Space. Anche da Strategy Innovation uno spin-off di Ca’ Foscari, una realtà multidisciplinare che raccoglie le conoscenze di ricercatori, professionisti e imprenditori del territorio per avviare strategie all’avanguardia con modelli di business innovativi. Da queste due parti che nasce l’idea della mostra e della costruzione di una sinergia tra arte ed aziende. Il tutto è ancora in fase embrionale e proprio grazie a ‘Art and business: roads to innovation’ le gallerie veneziane presenteranno i propri artisti ai diversi imprenditori”.

ARTE E IMPRESA

“La sinergia tra arte ed imprese sarà multiforme”, aggiunge la Longhi. “Per esempio tramite azioni come la collaborazione nel processo di produzione, lo scambio reciproco di saperi e strumenti, la creazione di collezioni corporate o di musei aziendali, il patronage, il crowd-funding corporate, il leasing di opere d’arte, solo per citarne alcuni. Molti non pensano, ma sia le imprese che l’arte sono molto più simili di quanto ci si possa immaginare. Dirò alcune parole chiave: innovazione, ricerca, scoperta di nuovi limiti e anche la responsabilità sociale. Queste tutte caratteristiche che accomunano i due ambiti”. Ecco alcune immagini.

– Valentina Poli

Venezia // Dal 25 al 26 ottobre 2018
Art and business: roads to innovation
Ca’ Giustinian de’ Vescovi
Dorsoduro, 3228, 30123 Venezia
Evento privato, ingresso solo su prenotazione
Per prenotarsi scrivere a: [email protected]

 

Dati correlati
CuratoreLucia Longhi
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.