Le immagini della mostra su Fabio Mauri a Castelbasso da Fondazione Menegaz. A partire dal 1968

Si svolge fino al 2 settembre la mostra che attraversa 10 anni di storia e di arte di Fabio Mauri. Punto di partenza l’anno chiave, il 1968. Ad accompagnare il tutto anche una personale di Matteo Fato

Intellettuale - Pasolini, 1975 installazione, dimensioni variabili Foto: Gino Di Paolo Courtesy the Estate of Fabio Mauri and Hauser & Wirth
Intellettuale - Pasolini, 1975 installazione, dimensioni variabili Foto: Gino Di Paolo Courtesy the Estate of Fabio Mauri and Hauser & Wirth

L’estate della Fondazione Menegaz, nell’antico e affascinante borgo di Castelbasso, presenta quest’anno una mostra dedicata ad un maestro della contemporaneità: Fabio Mauri. Fino al 2 settembre, a Palazzo de Sanctis, Laura Cherubini cura, a due anni di distanza dalla grande antologica realizzata dal Museo Madre di Napoli, un percorso che si intreccia con la grande storia del 1968, di cui nel 2018 ricorre il cinquantenario. Il tutto attraversa 10 anni dell’opera dell’artista, concludendo la parabola espositiva nel 1978. Il racconto dell’ideologia, al centro della poetica di Mauri, diviene qui il cuore dell’esposizione che porta in Abruzzo opere come Intellettuale- Pasolini 1975, o Cinema a luce solida del 1968. Di dieci anni più in là, del 1978, è Insonnia per due forme contrarie di universo, né mancano i ricordi e gli scatti della indimenticabile Elisabetta Catalano. A corollario, e nell’ambito dell’iniziativa Sarà presente l’artista, è in mostra una personale di Matteo Fato, a cura di Simone Ciglia che riflette sul nostro modo di osservare la realtà. Questo meccanismo si realizza a Palazzo Clemente in un dialogo tra le opere pittoriche di Fato e quelle dei maestri Festa, Spalletti, Turcato (e molti altri) nella collezione della Fondazione Menegaz.

– Santa Nastro

Castelbasso // fino al 2 settembre 2018
Fabio Mauri 1968-1978
a cura di Laura Cherubini
Palazzo De Sanctis, dal martedì alla domenica, dalle 19 alle 24. (Lunedì 13 agosto aperto)

Sarà presente l’artista
#0 Matteo Fato
a cura di Simone Ciglia
Palazzo Clemente, dal martedì alla domenica, dalle 19 alle 24. (Lunedì 13 agosto aperto)

Fondazione Malvina Menegaz  per le arti e le culture
Palazzo Clemente e Palazzo De Sanctis, Borgo Medievale di Castelbasso
Orari: martedì – domenica, 19-24 (aperto lunedì 13 agosto)
tel. 0861.508000[email protected]www.fondazionemenegaz.it

Dati correlati
AutoreFabio Mauri
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.