Marina Abramović realizza il manifesto della 50esima edizione della regata Barcolana di Trieste

Il manifesto, realizzato con il sostegno di illycaffè, reca il messaggio “We are all in the same boat”, un invito a fare squadra per proteggere il pianeta, nonostante le competizioni (sportive e non) con cui ci si confronta tutti i giorni

Marina Abramović, We're all in the same boat, manifesto per Barcolana50, dettaglio
Marina Abramović, We're all in the same boat, manifesto per Barcolana50, dettaglio

Abbiamo parlato di lei solo pochi giorni fa, in occasione della sua presenza a Masterpiece, la fiera d’arte, d’antiquariato e design che si è conclusa a Londra lo scorso 4 luglio e che l’ha vista partecipare nell’inedita veste di “scultrice”. Oggi invece la regina della performance Marina Abramović (Belgrado, 1946) è protagonista di un nuovo progetto artistico che la lega all’Italia: l’artista serba, infatti, ha realizzato il manifesto della prossima edizione di Barcolana, storica regata velica giunta alla sua 50esima edizione che dal 1969 si tiene nel Golfo di Trieste. Quest’anno la manifestazione si svolgerà dal 5 al 14 ottobre, e conta tra i suoi partner illycaffè, azienda italiana che ha supportato la realizzazione del manifesto “d’artista” dell’evento.

LA PROSSIMA EDIZIONE DI BARCOLANA

We are all in the same boat è il titolo del manifesto che Marina Abramović ha realizzato per Barcolana 2018, un messaggio che l’artista ha scelto di dedicare agli amanti del mare, ai partecipanti e al pubblico della regata triestina. Attraverso uno tra i più diffusi modi dire – “siamo tutti sulla stessa barca” – Abramovic e illy hanno voluto lanciare il seguente messaggio: “anche a bordo di barche diverse, anche quando competiamo per il miglior risultato, navighiamo tutti sullo stesso pianeta, che va custodito e protetto giorno dopo giorno”. “Siamo rimasti affascinati da questo messaggio che si associa perfettamente alla nostra regata”, commenta il presidente della Società velica di Barcola e Grignano Mitja Gialuz. “Ancora una volta grazie a illy, che ha saputo aggiungere contenuto ed elevare la nostra regata utilizzando l’arte come interprete dell’evento”.

Marina Abramović, We're all in the same boat, manifesto per Barcolana50
Marina Abramović, We’re all in the same boat, manifesto per Barcolana50

IL MANIFESTO DI MARINA ABRAMOVIĆ

Il manifesto di Barcolana50 è stato proposto dal direttore creativo di illycaffè, Carlo Bach, realizzato a febbraio a Milano da Marina Abramovic e prodotto dall’art director di Barcolana Matteo Bartoli (Basiq), che ha associato l’immagine proposta dall’artista all’elemento grafico che rappresenta la regata e che, in occasione della 50esima edizione, evolverà in uno speciale “gran pavese”, il carosello di bandiere tipico delle celebrazioni marinare, disegnato con i colori della Barcolana. “Per celebrare un anniversario così importante abbiamo voluto coinvolgere Marina perché, oltre al forte e pluriennale legame di amicizia che la lega alla nostra azienda, è tra le interpreti più sensibili e attente del panorama artistico contemporaneo”, spiega Andrea Illy, Presidente di illycaffè. “Il manifesto ci ha permesso di uscire dagli schemi classici della comunicazione e sensibilizzare in modo delicato il pubblico delle grandi manifestazioni su temi importanti. Come Barcolana è nata da una piccola comunità che nel tempo si è allargata, così il suo manifesto parte da Trieste per diventare messaggio corale e universale per tutto il mondo”.

– Desirée Maida

www.barcolana.it
www.illy.com

Dati correlati
AutoreMarina Abramovic
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.
  • Françoise de la Grenade

    Stupendo, meraviglioso.