Al confine con l’invisibile. Turi Rapisarda, Stefano Cumia e Nunzio a Palermo

Rizzuto Gallery, Palermo ‒ fino al 18 novembre 2017. Turi Rapisarda, Stefano Cumia e Nunzio sono i protagonisti della mostra allestita nella galleria palermitana. Un racconto visivo che si dipana tra la luce e il buio.

Nunzio, Untitled, 2017. Courtesy l’artista e RizzutoGallery
Nunzio, Untitled, 2017. Courtesy l’artista e RizzutoGallery

L’incipit della mostra a cura di Helga Marsala, allestita negli antichi magazzini del palazzo di via Maletto, che alla sua sinistra affianca la splendida basilica di San Francesco d’Assisi nel cuore del mandamento della Kalsa della Palermo antica, recita così: “Chiunque abbia avuto, come spesso ho fatto io, la necessità di uscire dal letto alle 2 del mattino in una notte invernale, accendere una candela, e appuntarsi alcuni pensieri che avrebbe altrimenti dimenticato, converrà con me quanto scomodo possa essere”. A questo incipit aggiungiamo: “Tutto ciò che devo fare adesso, se mi sveglio e penso qualcosa che desidero appuntare, è prendere da sotto il cuscino un piccolo taccuino contenente il mio nyctografo, scrivere alcune righe ‒ o alcune pagine ‒ senza nemmeno dover mettere le mani fuori dalle coperte, rimettere a posto il libretto, e tornare a dormire” (Lewis Carroll, da una lettera alla rivista The Lady, ottobre 1891).
Qual è il percorso che vogliono far seguire al visitatore della mostra le parole dello scrittore Charles Lutwidge Dodgson, divenuto famoso per il più noto dei suoi racconti, Alice nel paese delle meraviglie?

Turi Rapisarda, Unt Hitler, 2011. Courtesy l’artista e RizzutoGallery
Turi Rapisarda, Unt Hitler, 2011. Courtesy l’artista e RizzutoGallery

IL FASCINO DELLE NYCTOGRAFIE

Charles Lutwidge Dodgson, in arte Lewis Carroll, oltre a essere uno scrittore controverso e molto celebre, fu anche un ottimo fotografo fin dagli albori dell’arte dello scatto, che praticò dalla seconda metà dell’Ottocento. Fu anche l’inventore della “nyctografia”, ovvero un sofisticato sistema per scrivere al buio – sotto le coperte, di notte, come racconta nell’appena citata lettera ‒, che prende il nome dallo strumento utilizzato da Carroll, il nyctografo, una piccola griglia ricavata da un tassello rettangolare di legno.
Ebbene, il titolo della mostra è Nyctografie, e uno degli artisti esposti, Turi Rapisarda, è fotografo raffinato e fuori dagli schemi ortodossi, utilizzando una tecnica analogica su pellicole molto simili a quelle usate nelle radiografie mediche a RX.

Stefano Cumia, Via Fonseca Pimentel 4, 2017. Courtesy l’artista e RizzutoGallery
Stefano Cumia, Via Fonseca Pimentel 4, 2017. Courtesy l’artista e RizzutoGallery

GLI ARTISTI

La luce e le ombre, il bianco e il nero, il buio e il luminoso, la notte e il giorno, metaforicamente sono i protagonisti della mostra della RizzutoGallery, che vede esposti, oltre alle opere del Rapisarda, i dipinti monocromi di Stefano Cumia, i quali impongono al visitatore un esercizio percettivo per scorgere il nero dal nero e il bianco dal bianco, e le interessanti sculture di Nunzio, che tracciano linee e rilievi proiettati nell’invisibile da un nero carbonico per certi versi ancestrale.
I ritratti di Rapisarda, dal titolo Unt Hitler (2011), sono visibili all’interno di una cabina buia che certamente arricchisce la percezione selettiva del visitatore verso una dimensione da camera oscura. Nei suoi quadri Cumia impone un tocco pittorico composto di gradienti, di ingegnose patine di bianco e di nero che si armonizzano in interessanti velature di luce e di chiaroscuro.
Le sculture di Nunzio giocano tra spazio e luce con e profondità metaforiche di ricercate e nuove forme espressive della materia.

Andrea Giostra

Evento correlato
Nome eventoCumia | Nunzio | Rapisarda - Nyctografie
Vernissage23/09/2017 ore 18
Duratadal 23/09/2017 al 18/11/2017
Autori Nunzio, Turi Rapisarda, Stefano Cumia
CuratoreHelga Marsala
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoRIZZUTO GALLERY
Indirizzovia Maletto, 5 - Palermo - Sicilia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Andrea Giostra
Appassionato di arte e di cultura. Laureato in Psicologia Clinica con lode, con tesi di laurea preparata all'Università di Gent (Belgio), all’interno di un progetto di ricerca scientifica della Faculty of Psychology and Educational Sciences diretta dalla Prof.ssa Verhofstadt. Per cinque anni dopo la laurea ha collaborato con la cattedra di Psicologia Clinica dell’Università di Palermo, diretta dal Prof. L. Sarno. Ha partecipato a un Corso Biennale post-lauream in psicoanalisi freudiana, presso l’Istituto Italiano di Psicoanalisi di Gruppo diretto dal Prof. L. Sarno. Ha frequentato un Master triennale in Criminologia, diretto dal Prof. G.V. Pisapia dell'Università di Padova. Ha progettato e diretto diverse mostre di arti visive e di architettura. L’8 aprile 2017 ad Erice (TP) il Circolo Letterario I.P.L.A.C., gli assegna il Premio Letterario Nazionale “L'Anfora di Calliope”. Il 25 novembre 2017 a Milano, l’Associazione Pegasus gli assegna la “Targa Milano International”, all’interno del “Premio Letterario Milano International”, per la raccolta “Novelle brevi di Sicilia” (2017).