Estate in Salento nella Casa Cafausica. Seminari fra arte e natura come in una comune

Nei pressi di Lecce, in un vecchio casale, un gruppo di artisti ha fondato una realtà di ricerca, lavoro e riflessione sull’arte e dintorni. Si vive in simbiosi con la natura e si partecipa ad attività culturali. Ecco il programma dell’estate 2017

Fondazione Lac o Le Mon, San Cesareo di Lecce
Fondazione Lac o Le Mon, San Cesareo di Lecce

Secondo anno di residenze per la Fondazione Lac o Le Mon, progetto lanciato dagli artisti Emilio Fantin, Luigi Negro, Giancarlo Norese, Cesare Pietroiusti e Luigi Presicce, tutto dedicato ai sentieri della sperimentazione artistica nel segno della condivisione, della discussione, del recupero di certe pratiche desuete, tra stile di vita e metodo di lavoro. Parte integrante del progetto è la sede, la cosiddetta Casa Cafausica, un grande casale di inizio Novecento in quel di San Cesario, a Lecce, circondato da un parco di due ettari con alberi di alto fusto, ulivi, un frutteto e un hortus conclusus con agrumeto.

Fondazione Lac o Le Mon, San Cesareo di Lecce
Fondazione Lac o Le Mon, San Cesareo di Lecce

UN’ESTATE IN COMUNITÀ

È in questo rifugio bucolico che si scommette sull’auto-sostenibilità energetica e alimentare, tra chilometro zero, filosofia del riciclo a zero scarti e relazione armonica uomo-natura. Fuori dalla logica del consumo nevrotico e della produttività come scopo sociale: un teatro ideale in cui l’azione coincide con la circolazione del sapere e con l’attivazione di nuovi processi di convivenza.
Aperte le prenotazioni per chi vorrà trascorrere qui un pezzetto d’estate. Sono benvenuti artisti, curatori, ma anche chiunque lavori con le contaminazioni creative: arti visive, musica, teatro, danza… Condizioni di ospitalità essenziali, in pieno spirito di collaborazione e adattamento. La Fondazione offre un tetto, con arredamento spartano, e i servizi di base (brande, stuoie, materassi, lenzuola…); prevista la possibilità di campeggiare nel parco. Il viaggio è invece a carico degli ospiti. D’obbligo allinearsi al pensiero eco-friendly della casa: uso di acqua ed elettricità ridotto al minimo indispensabile. Cucina comune, con quota giornaliera di 15 euro a persona per cibo e utenze. Autogestione e massima cooperazione, in piena dimensione rurale.

Gruppi di lavoro nel giardino della Casa Cafausica
Gruppi di lavoro nel giardino della Casa Cafausica

STELLE, CORPI, RITI E MEDITAZIONI

Le attività culturali? Tra fra giugno e settembre c’è un fitto menu di seminari, laboratori e gruppi di ricerca. Eccone alcuni: dal 2 al 6 giugno 2017 Arianna Fantin e Giacomo della Maria curano un gruppo di studio sulle forme d’artigianato re-inventato: quanto c’entra l’arte contemporanea? Quali sono i confini e i parametri di queste pratiche manuali? Dal 21 al 29 giugno si ragiona su “Il corpo tra antropologia, danza e psicologia”, con un laboratorio a cura di Andrea Carlino e Alexandre Roccoli: con ricercatori, storici, antropologi e etnomusicologi si indaga il tema della gestualità rituale. Dal 24 al 30 luglio Corrado Chiatti propone “Viventeseminario di osservazione e riflessione sull’organicità dell’individuo, di piante e animali”, sempre in direzione di un’osmosi tra esseri viventi.
Dal 4 al 6 agosto Emilio Fantin introduce l’”Estetica dell’impercepibile”, tramite una serie di pratiche meditative, oniriche e narrative che aiutino a tirare fuori le proprie immagini interiori. Tra il 16 e il 22 agosto gli sguardi si orientano verso il cielo, con “Osservazione delle cose stellari”, a cura di Osservatorio ARTURO (Sara Alberani, Samuel Mello); fra il terrazzo e i giardini si trascorrono 3 notti di veglia e 3 giorni di sonno, disegnando nuove costellazioni filosofiche, scientifiche, emotive, secondo le proprie mitologie personali.
Ultimo appuntamento il 2–9 settembre con “Dioniso un dio liquido e molteplice (II)”, a cura di Cesare Pietroiusti e Andrea Lanini. Il gruppo approfondirà da vari punti di vista (storico-artistico, mitologico, psicologico, linguistico…) la figura di Dioniso, a partire da “Le Baccanti” di Euripide.

– Helga Marsala

Fondazione Lac o Le Mon
via Cavallino 19, San Cesario di Lecce 73016, Italy
https://goo.gl/maps/tBfepsssCt42
https://lacolemon.wordpress.com/
info: [email protected]

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d'arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatorice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.