“Una persona dalle idee malate”. Gaetano Pesce replica agli attacchi di Tomaso Montanari per la sua scultura a Firenze

Il grande artista, designer e architetto invia ad Artribune le sue risposte alle ripetute invettive del docente ed opinion maker, che ha parlato di sciacallaggio intellettuale

Gaetano Pesce, Maestà tradita, Piazza Santa Maria Novella, Firenze
Gaetano Pesce, Maestà tradita, Piazza Santa Maria Novella, Firenze

Affermare che nei luoghi storici il contemporaneo non può esistere è solo un’affermazione stupida, che non merita commenti e che può minare l’economia, la cultura e la buona immagine del nostro Paese”. Se Gaetano Pesce era alle prese con problemi di salute, tanto da essere costretto – dopo che Vittorio Sgarbi l’aveva dato pubblicamente per morto – a disertare l’inaugurazione della sua mostra fiorentina al Museo del Novecento, a giudicare dai toni delle dichiarazioni che rilascia a noi di Artribune deve essersi ripreso alla grande, almeno nello spirito. Così infatti replica alla presa di posizione in cui Tomaso Montanari, prendendo spunto dall’esposizione della sua opera Maestà tradita in Piazza Santa Maria Novella – da lui stesso raccontata in un’intervista ad Artribune – , sull’edizione fiorentina de La Repubblica si domandava “chi è davvero conservatore? Chi usa Firenze come una quinta monumentale buona a sdoganare la qualunque o chi denuncia lo sciacallaggio intellettuale di questa stanchissima messa a reddito del nostro centro storico?”.

RIGIDEZZA, MELANCONIA E ANGOSCIA
E il grande artista, designer e architetto ci va pesante, inviandoci le sue risposte dal suo studio di New York. “La risposta del Montanari mi ha dato tristezza pensando alla rigidezza, melanconia e angoscia del suo modo di pensare. L’immagine che mi sono fatto di lui è quella di una persona dalle idee malate, che purtroppo, essendo un insegnante, contagia i suoi giovani studenti con dei microbi reazionari estremamente mortali per il loro giovane cervello”. Del resto, anche il docente ed opinion maker non aveva risparmiato affondi affilatissimi: “Non c’è alcun dialogo, perché Palazzo Vecchio ripesca cose vecchie nate per altri contesti, e si limita a schiaffarle al centro delle cartoline fiorentine. Prendiamo la poltrona ginecologica di Gaetano Pesce: è stato quest’ultimo a rivelare che essa doveva essere esposta in piazza della Signoria (in rete gira anche un rendering), ma dopo una fuga di notizie estiva, Nardella, per prudenza, l’ha dirottata a Santa Maria Novella. Allora, che dialogo è? Se la stessa cosa può dialogare indifferentemente con piazza della Signoria e piazza Santa Maria Novella vuol dire una cosa sola: che non dialoga con niente, se non con se stessa. Qui non siamo alla sartoria, siamo al grande magazzino. Anzi, all’outlet del vintage: perché Koons, Fabre e Pesce ci hanno rifilato vecchie idee nate per tutt’altri contesti”.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.

3 COMMENTS

  1. Ho visto l’opera di Pesce nella piazza di fronte S.M. Novella, che è non solo kitsch, ma pure esteticamente ruffiana, al punto da piacere ai disinformati che pensano che l’arte contemporanea sia solo un gioco. I contenuti che nell’intervista egli si attribuisce sono attaccati lì con lo scotch, davvero imbarazzanti rispetto alle scelte estetiche. La scultura è semplicemente un oggetto di design come tanti altri che possono decorare un giardino. Pesce è designer e architetto, anche di interessante, ma come artista sembra uno studente di primo anno di accademia.
    Montanari ormai spesso affezionato al ruolo di talebano, per una volta potrebbe avere ragione. E’ la qualità mediocre del progetto che non funziona rispetto al prestigio dei luoghi.

    • L’unica scultura possibile da inserire in qualsiasi piazza italiana è il pupazzo di neve!

  2. Gaetano Pesce è sempre stato un grande designer ma come artista non mi convince molto, l’opera non mi pare delle più riuscite e il contesto non aiuta molto, ma oramai cosa conta è fare notizia, rubare un attimo di spazio qualche post fra i miliardi di chat e via su un’altra “opera”

Comments are closed.