Pittura e percezione. Odessa Straub a Napoli

Galleria Acappella, Napoli – fino al 1° dicembre 2016. La galleria partenopea ospita la prima mostra personale in Italia di Odessa Straub. Una selezione di opere inedite, testimoni di un ardito sperimentalismo di materiali, sulla soglia di un’astrazione polisemica di colori e forme.

Odessa Straub, Coldening, 2016
Odessa Straub, Coldening, 2016

Sin dalle prime righe del testo scritto da Odessa Straub (New York, 1989), che fa da viatico alla lettura della sua mostra, ci si rende subito conto dell’astrazione poetica che caratterizza la pratica dell’artista americana, presente anche nelle teorie di figure incorporee che animano la trama pittorica dei suoi lavori polimaterici, come nelle opere Coldening e Man Up Boy, It’s Just That, entrambe del 2016. L’invito rivoltoci è innanzitutto di spalancare i sensi prima ancora di guardarsi intorno e lasciarsi pungere dall’esperienza percettiva di quel che entra nel proprio campo ottico e dagli effetti ricettivi del “suono-odore-tatto”, divenuti, nei lavori esposti, astratte fenomenologie. Infatti, sulle pareti, questi compongono delle costruzioni visive pop-up, che riflettono gli sconfinamenti abissali di un’interiorità aperta su orizzonti sterminati e trasognanti, verso un’esteriorità che trapassa i confini dei sensi, ponendosi nei luoghi liminali dell’essere e dell’onirico (Gaped On The Sill, 2016; Pinky Piglet Ponder, 2016).

Rosa Esmeralda Partucci

Napoli // fino al 1° dicembre 2016
Odessa Straub – Tears in housebreaking letting the cold
ACAPPELLA
Via Cappella Vecchia 8
339 6134 112

[email protected]
www.museoapparente.eu

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/56781/odessa-straub-tears-in-housebreaking-letting-the-cold/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Rosa Esmeralda Partucci
È nata ad Avellino nel 1990 e ha frequentato il corso di Laurea Triennale in Archeologia e Storia dell'Arte all'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente è in procinto di discutere la tesi in storia dell'arte contemporanea. Ha scritto articoli su testate locali per eventi e mostre organizzate da associazioni (es. Meridies) e altri istituti, quale l'Istituto per la Diffusione delle Scienze Naturali di Napoli. Nel novero dei suoi interessi, oltre all'arte, sono compresi la fotografia, la poesia, la letteratura e il nuoto. Continuerà gli studi magistrali in ambito contemporaneo e museografico.