Art Digest: Justin, premier di parola. Yvon, il miglior cliente di monsieur Lambert. Roma a Londra, prima di Cristo

Promesse elettorali? C’è qualcuno che però le mantiene: come il premier canadese Justin Trudeau, che si era impegnato a raddoppiare i finanziamenti alle organizzazioni artistiche nazionali: e l’ha fatto… (cbc.ca) “La mia collezione? Opere che nella mia vita ho venduto… a me stesso”. Mentre apre una mostra della sua raccolta nel nuovo spazio espositivo ad […]

Justin Trudeau

Promesse elettorali? C’è qualcuno che però le mantiene: come il premier canadese Justin Trudeau, che si era impegnato a raddoppiare i finanziamenti alle organizzazioni artistiche nazionali: e l’ha fatto… (cbc.ca)

La mia collezione? Opere che nella mia vita ho venduto… a me stesso”. Mentre apre una mostra della sua raccolta nel nuovo spazio espositivo ad Avignone, Yvon Lambert racconta come è nata e cresciuta… (wmagazine.com)

Non sono un maestro del tè in senso tradizionale, ma questa è una chiara espressione della mia storia creativa“. Tom Sachs racconta il suo recente lavoro su una casa da tè per il Museo Noguchi… (wsj.com)

Londra romana, anche prima di Cristo. La presenza paleocristiana nell’antica Londinium è stata accertata grazie all’identificazione di simboli cristiani di epoca romana su un frammento di ceramica… (theguardian.com)

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.