Paris Updates: ma insomma, alla Fiac si vende? Ecco i primi rumors dai corridoi della fiera parigina: podio per Georg Baselitz, George Condo e Isa Genzken

Il sogno di ogni gallerista che prenda parte a una fiera d’arte? Quello che – raccontano le cronache – è capitato al newyorkese Andrea Rosen dopo i primi due giorni di Fiac: dover ripensare lo stand in vista del weekend, perché ha venduto quasi tutto all’opening. Com’è andata, insomma, la prima giornata alla rassegna parigina? […]

George Condo - Large Female Portrait, 2015

Il sogno di ogni gallerista che prenda parte a una fiera d’arte? Quello che – raccontano le cronache – è capitato al newyorkese Andrea Rosen dopo i primi due giorni di Fiac: dover ripensare lo stand in vista del weekend, perché ha venduto quasi tutto all’opening. Com’è andata, insomma, la prima giornata alla rassegna parigina? Molto bene, a livello di vendite, stando alle voci che abbiamo raccolto in giro: con un primato che al momento andrebbe a Nachter Baum, dipinto di Georg Baselitz del 1989 che sarebbe stato venduto da Gordon VeneKlasen per 1,8 milioni di dollari a un collezionista americano.
Nome caldissimo anche quello di George Condo, di cui Sprüth Magers avrebbe piazzato Large Female Portrait ad un collezionista statunitense per 600mila dollari, e la sua scultura in bronzo patinato The Philosopher, del 2012, a un collezionista Mediorientale per 275mila; 600mila dollari anche per un altro Condo venduto da Skarstedt. Altri affari secondo i rumors? Capitain Petzel pare abbia venduto Maroon Bells di Sean Landers per 150mila euro, Lehmann Maupin il dipinto A rustling in the leaves drives him away, dell’artista portoricano Angel Otero, all’Istanbul Modern Museum per una cifra compresa fra i 100 e i 150mila dollari. E poi Hauser & Wirth, con una scultura multimediale di Isa Genzken a 200mila euro, Max Hetzler con Untitled di Günther Förg a 185mila euro. Italiani? Soddisfazione in casa Monitor, a dispetto anche di una posizione poco favorevole, e Artiaco (“venduti già 8 lavori importanti, ma può andare ancora meglio“). Per ora si mormora della Galerie Perrotin che avrebbe venduto 10 screens da Toilet Paper (Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari), ma non è dato sapere per quanto…

Lo stand di Andrea Rosen alla Fiac
Lo stand di Andrea Rosen alla Fiac
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Angelov

    notti insonni per dipingerlo, ma anche notti insonni dopo averlo dipinto…non c’è tregua per chi tenta uno strappo alle regole