Paris Updates: ma insomma, alla Fiac si vende? Ecco i primi rumors dai corridoi della fiera parigina: podio per Georg Baselitz, George Condo e Isa Genzken

Il sogno di ogni gallerista che prenda parte a una fiera d’arte? Quello che – raccontano le cronache – è capitato al newyorkese Andrea Rosen dopo i primi due giorni di Fiac: dover ripensare lo stand in vista del weekend, perché ha venduto quasi tutto all’opening. Com’è andata, insomma, la prima giornata alla rassegna parigina? […]

George Condo - Large Female Portrait, 2015

Il sogno di ogni gallerista che prenda parte a una fiera d’arte? Quello che – raccontano le cronache – è capitato al newyorkese Andrea Rosen dopo i primi due giorni di Fiac: dover ripensare lo stand in vista del weekend, perché ha venduto quasi tutto all’opening. Com’è andata, insomma, la prima giornata alla rassegna parigina? Molto bene, a livello di vendite, stando alle voci che abbiamo raccolto in giro: con un primato che al momento andrebbe a Nachter Baum, dipinto di Georg Baselitz del 1989 che sarebbe stato venduto da Gordon VeneKlasen per 1,8 milioni di dollari a un collezionista americano.
Nome caldissimo anche quello di George Condo, di cui Sprüth Magers avrebbe piazzato Large Female Portrait ad un collezionista statunitense per 600mila dollari, e la sua scultura in bronzo patinato The Philosopher, del 2012, a un collezionista Mediorientale per 275mila; 600mila dollari anche per un altro Condo venduto da Skarstedt. Altri affari secondo i rumors? Capitain Petzel pare abbia venduto Maroon Bells di Sean Landers per 150mila euro, Lehmann Maupin il dipinto A rustling in the leaves drives him away, dell’artista portoricano Angel Otero, all’Istanbul Modern Museum per una cifra compresa fra i 100 e i 150mila dollari. E poi Hauser & Wirth, con una scultura multimediale di Isa Genzken a 200mila euro, Max Hetzler con Untitled di Günther Förg a 185mila euro. Italiani? Soddisfazione in casa Monitor, a dispetto anche di una posizione poco favorevole, e Artiaco (“venduti già 8 lavori importanti, ma può andare ancora meglio“). Per ora si mormora della Galerie Perrotin che avrebbe venduto 10 screens da Toilet Paper (Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari), ma non è dato sapere per quanto…

Lo stand di Andrea Rosen alla Fiac
Lo stand di Andrea Rosen alla Fiac
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Angelov

    notti insonni per dipingerlo, ma anche notti insonni dopo averlo dipinto…non c’è tregua per chi tenta uno strappo alle regole