Ancora una galleria d’arte a Pietrasanta. Nasce ESTART Gallery, con un ciclo di tre mostre. Partendo dal cubano Juan Miguel Pozo

Un nuovo spazio che nasce, in Toscana, nel segno di una triangolazione: Pietrasanta, Londra, Torino. Nella storica cittadina in provincia di Lucca, già sede di diverse gallerie – da Susanna Orlando a Edoardo Secci, da Cardi a Flora Bigai – sabato 6 giugno apre le porte ESTART Gallery, con una mission orientata ai giovani talenti, […]

Juan Miguel Pozo

Un nuovo spazio che nasce, in Toscana, nel segno di una triangolazione: Pietrasanta, Londra, Torino. Nella storica cittadina in provincia di Lucca, già sede di diverse gallerie – da Susanna Orlando a Edoardo Secci, da Cardi a Flora Bigai – sabato 6 giugno apre le porte ESTART Gallery, con una mission orientata ai giovani talenti, ma anche ad artisti affermati del panorama nazionale e internazionale. Da qui, fino al prossimo settembre, prenderà vita un ciclo di tre mostre, curato da Claudio Composti: la prima del pittore cubano Juan Miguel Pozo, le altre due degli emergenti . Un programma che nasce nel segno della collaborazione, grazie al coinvolgimento della torinese Riccardo Costantini Contemporary Gallery –appena trasferitasi nella nuova sede di via Giolitti – e della londinese Ncontemporary Gallery, guidata da Emanuele Norsa.
L’estate di ESTART Gallery decolla dunque con la pittura di Pozo, in cui – secondo un tratto personalissimo – si mischiano influenze pop e surrealiste, con un tocco di street art style: immagini esplosive, ironiche, dal forte tratto illustrativo e dalla potenza visionaria, traboccante di elementi fantastici. Una giostra di colori e accostamenti ambigui, da cui spesso emergono tematiche politico-sociali. Nato a Cuba nel 1967, Juan Miguel Pozo vive a Berlino da anni ed è uno dei nomi scelti per l’ultima Biennale dell’Havana.

ESTART Gallery
Via P. E. Barsanti 18, Pietrasanta
www.estartgallery.it

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.