Seconda edizione per Tirana Open, festival delle arti contemporanee disseminato per la città. Tanti i nomi internazionali, da William Kentridge ad Adrian Paci

Una lunga lista di ospiti internazionali, una sensibilità eclettica e una vocazione per il sincretismo e il multiculturalismo, mescolando arti visive, letteratura, musica, architettura, e agganciandosi alle complesse radici albanesi: sono questi gli ingredienti alla base della seconda edizione di Tirana Open, festival fortemente voluto e sostenuto dal primo ministro (nonché artista) Edi Rama. “Tirana, […]

Tirana
Tirana

Una lunga lista di ospiti internazionali, una sensibilità eclettica e una vocazione per il sincretismo e il multiculturalismo, mescolando arti visive, letteratura, musica, architettura, e agganciandosi alle complesse radici albanesi: sono questi gli ingredienti alla base della seconda edizione di Tirana Open, festival fortemente voluto e sostenuto dal primo ministro (nonché artista) Edi Rama. “Tirana, quel vecchio centro romano, avamposto ottomano, archetipo del Novecento italiano, sogno utopico fascista, esempio del brutalismo staliniano e infine modello di una (non) architettura contemporanea impazzita, bilanciata da una impressionante forma di sviluppo urbano alternativo, ha storicamente e attualmente abbracciato tutto questo, ma non si è mai innamorata di nessun aspetto in particolare”: così introducono il progetto gli artisti Helidon Gjergji & Vladimir Myrtezai-Grosha, direttori del Festival insieme ad Arlinda Dudaj, mettendo subito in evidenza contraddizioni, fascinazioni e stratificazioni proprie della storia del luogo, sul piano degli influssi culturali, dei segni, dei linguaggi, delle forme. Città vissuta e raccontata come laboratorio di idee, capace di assorbire e rielaborare input diversi, contribuendo alla creazione di modelli nuovi. Una maniera d’essere e di porsi, che costituisce il vero cuore dell’evento, superando il vincolo del classico tema curatoriale.
Accanto alla special guest sudafricana William Kentridge, una serie di nomi – tra cui molti italiani – sfileranno con i loro progetti tra diverse sedi, dal 6 fino al 13 maggio, col coinvolgimento di musei e istituzioni internazionali: da Yuri Ancarani a Olivo Barbieri, da Henry Chapman a Nathalie Djurberg, da Alberto Di Fabio a Felix Gmelin, da Anri Sala a Nico Vascellari, da Sissi a Kostis Velonis. In programma anche uno special talk con Adrian Paci.

www.tiranaopen.org

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.