Christo sul Lago d’Iseo. In cantiere una mega installazione lacustre, con cui collegare Monte Isola alla terraferma. Ad oggi solo un’idea, ma qualcuno spinge…

Infaticabile Christo. Mentre vanno avanti le traversie legali per la realizzazione del suo Over the River, l’“impacchettamento” sospeso del fiume Arkansas, in Colorado, un nuovo progetto fa capolino, stavolta in Italia. Siamo nella zona della provincia di Bergamo, sulla sponda occidentale del Lago d’Iseo. Qui le autorità locali hanno sul tavolo la richiesta di una […]

Monte Isola e il Lago d'Iseo

Infaticabile Christo. Mentre vanno avanti le traversie legali per la realizzazione del suo Over the River, l’“impacchettamento” sospeso del fiume Arkansas, in Colorado, un nuovo progetto fa capolino, stavolta in Italia. Siamo nella zona della provincia di Bergamo, sulla sponda occidentale del Lago d’Iseo. Qui le autorità locali hanno sul tavolo la richiesta di una società privata, che avrebbe accolto e deciso di spingere l’opera del grande artista bulgaro-statunitense: l’idea è quella di costruire – per un tempo limitato di due settimane circa, nell’estate del 2016 – una passerella di tessuto colorato, distesa sul lago, con cui collegare Monte Isola e Sulzano. Sostanzialmente un ponte componibile, lungo 1600 metri e largo 5, avvolto da teli bianchi, arancio e rosa, che unirebbe l’isola alla terraferma. La struttura, non percorribile, potrebbe anche agganciarsi a quattro diversi porti: Peschiera e Sulzano da una parte, Sensole e San Paolo dall’altro. Nulla di permanente e di troppo impattante (come nel caso dell’installazione del Colorado), ma anzi, un intervento che funzionerebbe come straordinaria attrattiva turistica e strumento di valorizzazione paesaggistica. Il budget, pare, sarebbe messo totalmente a disposizione da Christo, già avvezzo a recuperare sponsor e finanziatori per i suoi maxi interventi di land art. La parola, adesso, passa ai Comuni interessati e all’Autorità di Bacino Lacuale dei Laghi d’Iseo, Endine e Moro. Resterà un’ipotesi fantasiosa o arriverà davvero il nulla osta? Poco il tempo e diverse le pressioni: uno di quei casi in cui l’arte contemporanea si trasforma, agli occhi dei più scaltri, come splendida occasione economica e di prestigio internazionale. Sempre che la politica afferri il concetto e partorisca, rapidamente, il suo benestare.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.
  • Cristina

    sulzano è sulla sponda bresciana ☺