Lo Strillone: Rutelli e il Museo della Cultura Italiana al Quirinale sul Corsera. E poi novità editorial/culturali, Art Bonus, tunnel sotto le ville del Palladio

“È una proposta che io sostengo da tempo, e che lanciai con una lettera aperta già nel gennaio 2013”. È l’ex ministro per i Beni Culturali Francesco Rutelli a rilanciare, con una nuova lettera al Corriere della Sera, l’idea di valorizzare il palazzo del Quirinale con funzioni pubbliche: “diventi il Museo della Cultura Italiana, non […]

Quotidiani
Quotidiani

È una proposta che io sostengo da tempo, e che lanciai con una lettera aperta già nel gennaio 2013”. È l’ex ministro per i Beni Culturali Francesco Rutelli a rilanciare, con una nuova lettera al Corriere della Sera, l’idea di valorizzare il palazzo del Quirinale con funzioni pubbliche: “diventi il Museo della Cultura Italiana, non è necessario ‘sfrattare’ il Presidente della Repubblica, l’edificio può conservare anche funzioni simboliche”.

Grandi novità in casa “Fatto quotidiano”: le segnala Italia Oggi, che riferisce di investimenti per 4 milioni di euro sul sito internet del quotidiano, che sarebbe pronto anche a lanciare due nuovi magazine, uno di cronaca nera e uno di temi cultural/gastronomici. Pronte la modifiche ai modelli fiscali per accogliere le novità introdotte con l’Art Bonus: Il Sole 24 Ore aggiorna sugli strumenti per perfezionare le erogazioni liberali a favore dei beni culturali.

Un tunnel sotto le ville del Palladio? Su La Repubblica il progetto che già scatena polemiche e proteste: previsti anche ponti e parcheggi legati alla TAV. Lungo un chilometro e mezzo, alto 16 metri, largo 14. Gli oppositori: “L’Unesco intervenga a fermare lo scempio

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.