Intervista video a Enzo Cucchi, che presenta le sue ultime ceramiche esposte a Todi da Bibo’s Place. Segni grafici decisi armonizzati con la matericità del supporto

“La specificità di questo lavoro? Studiare le proporzioni, le dimensioni giuste, in una terra fortemente segnata dalla tradizione della ceramica. E poi dialogare con la luce unica dell’Umbria…”. Sono direttamente le parole di Enzo Cucchi – che trovate nella videointervista – a presentare la mostra allestita a Todi, nella galleria Bibo’s Place di Andrea Bizzarro […]

La specificità di questo lavoro? Studiare le proporzioni, le dimensioni giuste, in una terra fortemente segnata dalla tradizione della ceramica. E poi dialogare con la luce unica dell’Umbria…”. Sono direttamente le parole di Enzo Cucchi – che trovate nella videointervista – a presentare la mostra allestita a Todi, nella galleria Bibo’s Place di Andrea Bizzarro e Matteo Boetti.

Cucchi: fiere, chimere e dischi volanti: questo il titolo della seconda mostra presentata del nuovo spazio espositivo della galleria, un project space sempre al piano terreno di Palazzo Pensi: sei opere site specific, sei grandi ceramiche realizzate dall’artista presso la storica manifattura ceramica Grazia di Deruta, con decisi segni grafici armonizzati con la matericità del supporto. Le vedete nella fotogallery…

www.bibosplace.it

 

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.