Cervelli in fuga. Davide Gasparotto è il nuovo Senior Curator dei dipinti del Getty Museum di Los Angeles. Lascia la direzione della Galleria Estense di Modena

È uno studioso di livello internazionale di arte italiana fra il Rinascimento e il XVIII secolo, anche se il suo nome è probabilmente meno familiare di altri. Eppure è con la perdita di personaggi come lui che il sistema nostrano dell’arte continua a indebolirsi, lentamente ma inesorabilmente. Davide Gasparotto, direttore della Galleria Estense di Modena, […]

Davide Gasparotto

È uno studioso di livello internazionale di arte italiana fra il Rinascimento e il XVIII secolo, anche se il suo nome è probabilmente meno familiare di altri. Eppure è con la perdita di personaggi come lui che il sistema nostrano dell’arte continua a indebolirsi, lentamente ma inesorabilmente. Davide Gasparotto, direttore della Galleria Estense di Modena, è stato infatti nominato come nuovo Senior Curator of Paintings del J. Paul Getty Museum di Los Angeles: una notizia che se da una parte ci inorgoglisce per un nuovo successo internazionale di un esperto italiano, dall’altra conferma l’assoluta assenza di appeal e di prospettive offerti da istituzioni che dovrebbero rappresentare il fiore all’occhiello di un Paese che ha nelle arti uno dei propri maggiori patrimoni.
Porterà nuove prospettive e grande vitalità al reparto, arricchendo la già prestigiosa storia del Getty a livello di acquisizioni, mostre, ricerca scientifica e pubblicazioni in questo campo”, ha dichiarato soddisfatto il direttore Timothy Potts. Nato a Bassano del Grappa, Gasparotto ha studiato Storia dell’Arte e Archeologia Classica all’Università e poi alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Impegnato per dodici anni come curatore e storico dell’arte alla Galleria Nazionale di Parma, ha accumulato successi internazionali come Paul Mellon Visiting Senior Fellow presso il Center for Advanced Study della National Gallery di Washington, nel 2007, e come Andrew W. Mellon Fellow presso il Metropolitan Museum of Art fra il 2011 e il 2012. Ha curato diverse importanti mostre, tra cui Bonacolsi l’Antico (con Filippo Trevisani) al Palazzo Ducale di Mantova e Pietro Bembo e l’Invenzione del Rinascimento (con Guido Beltramini e Adolfo Tura) al Palazzo del Monte di Pietà a Padova (2013).

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.