Quattro milioni di euro per idee innovative, anche in ambito culturale. La Regione Lazio lancia i bandi Creativi Digitali: scadenza 31 maggio

Mettiamo subito in chiaro quello di cui si parla: circa quattro milioni di euro, che la Regione Lazio metto a disposizione di giovani creativi (fino a 35 anni di età) e piccole e medie imprese. Risorse destinate allo sviluppo di piattaforme web, progetti nei settori della cultura e dell’editoria digitale, e applicazioni per smartphone e […]

Mettiamo subito in chiaro quello di cui si parla: circa quattro milioni di euro, che la Regione Lazio metto a disposizione di giovani creativi (fino a 35 anni di età) e piccole e medie imprese. Risorse destinate allo sviluppo di piattaforme web, progetti nei settori della cultura e dell’editoria digitale, e applicazioni per smartphone e tablet. Una bella cifra? Questa è la dotazione dei bandi del progetto Creativi Digitali, per partecipare ai quali c’è tempo fino al 31 maggio.
Qualche esempio concreto? Il bando che forse ha ottenuto la maggiore attenzione, anche in termini mediatici, è App On, che permette di ricevere fino a 40mila euro per finanziare idee originali (non sarà sufficiente rivisitare un’app già esistente), attraverso la collaborazione con le imprese che esprimeranno il proprio interesse allo sviluppo del progetto.
E c’è spazio anche per la cultura, con il bando Cultura Futura, che va a caccia di programmi, applicazioni web e piattaforme per computer, smartphone e tablet, che annoverino tra i propri obiettivi quello di far conoscere e valorizzare il territorio, i beni culturali, le mostre d’arte, gli spettacoli dal vivo e i servizi culturali. E poi New Book, che intende sostenere l’editoria che vuole rinnovarsi e puntare sullo sviluppo di nuovi prodotti digitali attraverso la contaminazione fra generi diversi e la diffusione di contenuti liberi dal diritto d’autore.

Per consultare i bandi: www.regione.lazio.it/europaimprese/creatividigitali/

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.