Italiani in trasferta. Bertozzi & Casoni protagonisti da Sperone Westwater Lugano, in attesa della grande mostra mantovana di Palazzo Te: immagini dall’opening

È un momento d’oro per Bertozzi & Casoni, i maestri della scultura in ceramica policroma, della quale hanno saputo riscoprire la grande tradizione innestandola nelle temperie contemporanee. Mentre le straordinarie sale di Palazzo Te a Mantova si preparano ad ospitare – dal 7 giugno al 20 agosto – la loro esposizione dal titolo Dove Come […]

È un momento d’oro per Bertozzi & Casoni, i maestri della scultura in ceramica policroma, della quale hanno saputo riscoprire la grande tradizione innestandola nelle temperie contemporanee. Mentre le straordinarie sale di Palazzo Te a Mantova si preparano ad ospitare – dal 7 giugno al 20 agosto – la loro esposizione dal titolo Dove Come Quando, curata da Marco Tonelli, le luci della ribalta si aprono per il duo al di là delle Alpi, con la mostra Appunti recenti (contrappunti) appena inaugurata alla Galleria Sperone Westwater di Lugano, dove resterà visibile fino al 12 luglio. Undici opere in ceramica realizzate dal 2002 al 2014, con “un’ironia sempre controbilanciata da un inossidabile virtuosismo esecutivo”. Da Ossobello, un ordinato accumulo di ossa realizzato nel 2002, a Ma, del 2010, una sedia con testa di capriolo su una pila di piatti sporchi, fino a agli accumuli di libri di Still life, del 2014. Artribune non ha perso l’occasione per l’escursione transfrontaliera, ecco e immagini dall’opening…

Fino al 12 luglio 2014
Galleria Sperone Westwater
Via Nassa 42 – Lugano
www.speronewestwater.com

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.