Lo Strillone: riscriviamo le regole per la gestione dei musei da parte dei privati, l’invito su L’Unità. E poi il restauro della Belle Ferronière, il destino dei capolavori trafugati durante le guerre, tappeti d’artista in mostra a Parigi…

La lingua torna a battere dove il dente duole: richiamo in prima e servizio a tutta pagina su L’Unità per Vittorio Emiliani, che prosegue la sua crociata contro i meccanismi contorti che regolano i rapporti tra pubblico e privato nei musei. Alla berlina contratti d’appalto fermi da quattro anni. La Stampa e Quotidiano Nazionale al […]

Quotidiani
Quotidiani

La lingua torna a battere dove il dente duole: richiamo in prima e servizio a tutta pagina su L’Unità per Vittorio Emiliani, che prosegue la sua crociata contro i meccanismi contorti che regolano i rapporti tra pubblico e privato nei musei. Alla berlina contratti d’appalto fermi da quattro anni.

La Stampa e Quotidiano Nazionale al Louvre per il restauro della Belle Ferronière di Leonardo; si spostano invece dal monastero catalano di Montserrat al Forte di Bard i capolavori – dal romanico all’Ottocento – annunciati in mostra su Avvenire. Da Napoleone a Hitler: secoli di capolavori trafugati ne L’arte in guerra (Skira) di Sergio Romano, recensito su Corriere della Sera.

Jean-Luc Martinez ci insegna come si fa funzionare un museo: le ricette del direttore Louvre su Panorama. Appunti di mercato in vista di Arte Fiera su Il Venerdì; Germano Celant si dedica all’arte tessile, parlando su L’Espresso della grande mostra che Parigi dedica ai tappeti d’artista. Sette a Losanna: arte e sport in mostra in vista delle Olimpiadi invernali.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.