Lo Strillone: polemica su La Repubblica per i nudi maschili esposti al Musée d’Orsay. E poi il Mussolini socialista in mostra a Predappio, tensioni tra Settis e la presidente FAI, l’architettura portoghese alla Triennale…

Quando mostra vuol dire polemica: dopo le tensioni intorno al progetto di legge sui matrimoni omosessuali la Francia si scalda sulla prima mostra nella storia del Musée d’Orsay dedicata al nudo virile. Pruderie assortite su La Repubblica. Intanto Quotidiano Nazionale invita chez Mussolini: nella casa natale del Duce, a Predappio, documenti e riflessioni sulla stagione […]

Quotidiani
Quotidiani

Quando mostra vuol dire polemica: dopo le tensioni intorno al progetto di legge sui matrimoni omosessuali la Francia si scalda sulla prima mostra nella storia del Musée d’Orsay dedicata al nudo virile. Pruderie assortite su La Repubblica. Intanto Quotidiano Nazionale invita chez Mussolini: nella casa natale del Duce, a Predappio, documenti e riflessioni sulla stagione socialista del dittatore.

Raffica di preview su La Stampa, passando dagli inediti di Mariani a Foligno al ricco autunno di Palazzo Reale: oggi inaugura Pollock, domani tocca ai ritratti – tra Bacon e Matisse – in arrivo dalla collezione del Pompidou. Su Il Fatto Quotidiano Tomaso Montanari spiega ai bambini le meraviglie di Boboli; per i più grandi c’è al recensione della mostra sull’architettura portoghese accolta alla Triennale.

Caro Settis ti scrivo! Attraverso Corriere della Sera: risposta a mezzo stampa da parte della presidente FAI Giulia Maria Mozzoni Crespi, che mette i puntini sulle i dopo che il professore aveva individuato paralleli non sempre positivi tra il Fondo per l’Ambiente Italiano e il National Trust britannico.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.
  • Vogliamo mettere le mutande anche a uno degli uomini più belli della storia? Il David di Michelangelo?