L’ultima frontiera della comunicazione artistica? È la video-brochure su schermo LCD, che ti porta in casa informazioni, video, interviste. L’ha ideata Marco Goldin per la mostra veronese sul paesaggio: eccola, nel video…

Esternamente sembra un classico catalogo: anche se pare strano che – per una mostra che prenderà il via solo a fine ottobre – sia già pronto un volume. Ma poi, sfogliando solo la copertina cartonata, si svela l’arcano: che poi è solo l’ultima novità in fatto di comunicazione della premiata ditta Linea d’Ombra – Marco […]

Esternamente sembra un classico catalogo: anche se pare strano che – per una mostra che prenderà il via solo a fine ottobre – sia già pronto un volume. Ma poi, sfogliando solo la copertina cartonata, si svela l’arcano: che poi è solo l’ultima novità in fatto di comunicazione della premiata ditta Linea d’Ombra – Marco Goldin. La “terza pagina” si rivela infatti essere uno schermo LCD, che si avvia automaticamente con un video che presenta la mostra Verso Monet. Storia del paesaggio dal Seicento al Novecento, che si terrà fra il 26 ottobre e il 9 febbraio 2014 a Verona, nel Palazzo della Gran Guardia, per poi trasferirsi a Vicenza, nelta Basilica Palladiana. E sotto – vedi il video allegato -, il menù con una serie di tasti a sfioro per avviare un’intervista a Goldin, una presentazione delle città di Verona e Vicenza, informazioni sugli sponsor e corporate. Insomma: le scelte di Linea d’ombra saranno anche populistiche, da “mostre blockbuster”, ma quanto a professionalità e uso della comunicazione c’è poco da obbiettare…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Pinco Pallino

    Sempre più nauseabondi Goldin e le sue operazioni di marketing, per non parlare delle sue mostre centro commerciale. Dovremmo istituire una petizione su larga scala per salvare l’Impressionismo da questa sempre più invasiva linea d’ombra.