Lo scultore siciliano e il curatore cileno, a casa del poeta. Una residenza a due, nel messinese: Giacomo Rizzo e Antonio Arevalo al Museo Lucio Piccolo di Ficarra

Capo D’Orlando, cittadina sul mare in provincia di Messina, deve parte della sua notorietà alla casa-museo della Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella, istituita nel 1967 dal Barone Casimiro Piccolo, in onore e in memoria dei fratelli, Giovanna e Lucio, e del loro casato, che alla Sicilia regalò intellettuali e galantuomini. Poco distante, a Ficarra, c’è […]

Giacomo Rizzo e Antonio Arevalo

Capo D’Orlando, cittadina sul mare in provincia di Messina, deve parte della sua notorietà alla casa-museo della Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella, istituita nel 1967 dal Barone Casimiro Piccolo, in onore e in memoria dei fratelli, Giovanna e Lucio, e del loro casato, che alla Sicilia regalò intellettuali e galantuomini. Poco distante, a Ficarra, c’è un altro posto, stavolta tutto dedicato a Lucio Piccolo, grande poeta dalla scarsa attitudine mondana e dalle altalenanti fortune. Un museo-laboratorio, pensato come omaggio alla vita e all’opera del letterato scomparso nel 1969, in cui all’approfondimento sull’intellettuale siciliano si unisce un lavoro progettuale, con eventi e appuntamenti d’arte e cultura. Tra questi anche il ciclo “salotto contemporaneo”, nell’ambito del quale parte un nuovo programma di residenze, con la direzione artistica di Mauro Cappotto.

Giacomo Rizzo e Antonio Arevalo
Giacomo Rizzo e Antonio Arevalo

Ed è nell’affascinante Stanza della Seta, che ricostruisce legami e vicende familiari del poeta, che è in corso fino al prossimo 30 luglio il soggiorno di Giacomo Rizzo e Antonio Arevalo: artista e curatore, uno siciliano, l’altro cileno, per due settimane insieme in questa location ricca di suggestioni, nel desiderio di dar vita a riflessioni e lavori site specific, in stretta relazione col contesto, con gli abitanti, con la storia del luogo.
Una pratica antica, semplice quanto densa di risvolti, tra occasioni di scontro critico e di dialogo intellettuale: lo sguardo dell’artista e quello del curatore, nell’isolamento di un’esperienza di ricerca, si scambiano prospettive, passaggi, input. E proprio Input si intitola questo primo step, cui seguirà la produzione di un percorso installativo nel centro urbano. Seguiranno altri rendez-vous estivi, col medesimo format, a rotazione fino alla fine di agosto: Angelika Stepken con Younes Baba-Ali & Anna Raimondo e Giovanni Iovane con Federico Baronello.

– Helga Marsala

Museo Lucio Piccolo
Via del Rosario 98062 – Ficarra
Tel 0941 582604 – 335 6682298

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.